Lunedì 25 Settembre 2017 - 12:00

M5S, il giorno dopo Rimini. Fico: "Di Maio non è il capo"

Tutte le questioni restano aperte. Grillo: "Questione di caratteri. Da domani lavoreranno insieme". Il candidato premier a Milano

Camera dei Deputati. Voto finale sul DL Vaccini

Di Maio a Milano, nel suo nuovo ruolo di candidato premier per il M5S a incontrare i giovani startupper, Beppe Grillo a ricucire gli strappi di Rimini parlando con il Fatto Quotidiano e Roberto Fico (nella foto) a sottolineare di nuovo le differenze tra sé e i vincitori della kermesse romagnola.

Il giorno dopo Rimini, il MoVimento 5 Stelle è effettivamente al centro del panorama politico. A Rimini sono successe alcune cose importanti: Grillo ha fatto un passo indietro (quanto grande e quanto reale, si vedrà nei giorni scorsi). Luigi Di Maio ha vinto le primarie da 37 mila voti (prendendone 30 mila): formalmente il candidato premier è lui (e nessuno lo nega) ma è da vedere quanto davvero sarà riconosciuto dagli altri come capo politico del movimento. Roberto Fico ha fatto sapere che non lo riconoscerà in questo ruolo: "

Lui non è il capo del movimento. Il candidato premier è il capo della forza politica, ma non è capo della vita politica generale del movimento. Questa è una grande distinzione". Argomentazione complessa semplificabile così: le primarie hanno dato a "Luigino" l'investitura di "candidato premier" che mette Di Maio nelle condizioni (anche per legge) di avere il nome sulle schede elettorali, ma, secondo Fico, non potrà essere lui a ditrigere il movimento nelle sue questioni interne. Sullo sfondo, Alessandro Di Battista (neopadre che pubblica su Fb struggenti immagini delle dita sua e della moglie intrecciate con quelle del piccolo Andrea) raccoglie gli auguri di tutti e fa sapere di considerarsi politicamente libero, come sempre. Il suo percorso, ovviamente tutto interno al movimento, non è detto che passi attraverso un supporto a Di Maio. Di Battista continuerà a parlare direttamente con militanti ed elettori.

Insomma: il M5S ha un candidato premier, avrebbe anche un capo partito (ma parti importanti non lo riconoscono) e ha un "padre" che vorrebbe defilarsi, ma non si sa se ce la farà: "Tra Fico e Di Maio era più una questione di caratteri, tra uno romantico e uno di carriera, ma da domani cominceranno a lavorare assieme". dice Beppe Grillo al Fatto Quotidiano. "Il problema - aggiunge - è quando non ci si parla, le cose si ingigantiscono, ma io li ho messi tutti in riga. L'importante è la squadra, e Roberto nella squadra ci sarà. Il Movimento ha avuto un momento di assestamento, ma è tutto ricomposto. E poi io ci sarò sempre". "Li ho messi in riga", "Io ci sarò sempre". Ha fatto davvero un passo indietro? E quanto grande?

Luigi Di Maio non si fa molti problemi e si cala pienamente nel suo nuovo ruolo istituzionale che gli permette uno "storytelling" di se stesso abbastanza altisonante: "Ho da poco lasciato Rimini, carico da questi tre giorni di Italia 5 Stelle. All'ora di pranzo sarò a Milano per incontrare i giovani startupper che lavorano al Talent Garden di Milano Calabiana, uno spazio di coworking all'avanguardia e tra i migliori in Europa. Creatività, intelligenza e divertimento sono gli ingredienti del successo dei ragazzi che lavorano qui. Per me sono il presente del Paese e devono essere tutelati e sostenuti: nella nostra Smart Nation loro saranno protagonisti". Così Luigi Di Maio su facebook annuncia il suo primo incontro pubblico da candidato premier del M5S. "Vado - spiega - per farmi dire dagli startupper di cosa hanno bisogno dallo Stato per continuare a sviluppare i loro talenti e crescere e dai ragazzi di TAG cosa lo Stato deve fare per permettere la creazione di altri centri di aggregazione come questo. Secondo lo studio Lavoro 2025 entro 7 anni il 60% dei lavori si trasformerà e il 50% diventerà lavoro creativo: investire su queste realtà che saranno in grado di affrontare quel momento di cambiamento è prioritario". Insomma, Di Maio c'è e vuol far vedere a tutti che è l'unico titolato a parlare al Paese e ai suoi problemi. Perché a lui toccherà di affrontarli se mai diventerà premier.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Dibattito confronto tra le candidate presidenti del X Muncipio

Ostia,ballottaggio blindato ma si chiude senza big. Scintille Meloni-M5S

Al primo turno la candidata pentastellata Di Pillo è stata la più votata con il 30,21%, seguita da quella del centrodestra Picca con il 26,68%

Paolo Gentiloni e Walter Veltroni alla presentazione del libro "Quando"

Gentiloni: "Il centrosinistra sia largo e unito"

Il premier avverte: "Rifugiarsi nella nostalgia del passato è un rischio drammatico"

Gianfranco Fini ospite a "Porta a Porta"

Gianfranco Fini in Procura. E' stato sentito sul caso Tulliani

E' indagato per riciclaggio. Il cognato alla testa di un'organizzazione criminale che faceva girare milioni

Presidio dei Radicali Italiani per il biotestamento

Scheda, nella legge sul Biotestamento, il diritto di rifiutare cibo e acqua

Ecco il testo approvato lo scorso 20 aprile alla Camera. Stabilito il diritto alla dignità e all'autodterminazione