Sabato 24 Settembre 2016 - 22:00

M5S, Grillo: Nessun passo di lato, io capo politico a tempo pieno fino a elezioni

Grande manifestazione del Movimento a Palermo. Davide Casaleggio: "Restiamo uniti e realizziamo sogno di mio padre"

Grillo chiude la prima giornata della festa nazionale del Movimeto 5 Stelle a Palermo

Si è chiuso con 'Un amore così grande', il brano di Mario del Monaco, la prima giornata della manifestazione nazionale M5S di quest'anno a Palermo. In tanti hanno intonato il coro 'Onestà', mentre sul palco Beppe Grillo ha abbracciato tra gli altri i 'big' Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista, oltre ad un commosso Davide Casaleggio. Prima di salutare il pubblico maxi foto di gruppo con tutti i pentastellati molto sorridenti.

"Se devo essere il responsabile e il capo politico, lo farò e prenderò le mie decisioni. Bisogna che qualcuno prenda delle decisioni. Quando c'era Gianroberto le prendeva lui, le prendevamo insieme", ha detto Grillo nel corso della manifestazione. "Ci sono a tempo pieno - ha spiegato il leader Cinquestelle - non posso fare un passo di lato. Voglio stare con il movimento fino alle elezioni: dobbiamo dimostrare che possiamo vincerle e che possiamo governare Torino, Roma e Palermo. Possiamo farlo anche con gli sbagli fatti. Questa storia ci è servita perché ci ha dato gli anticorpi". 

"Questo è il Movimento, noi non dobbiamo un cazzo a nessuno: possiamo morire e riprenderci. Possiamo subire minacce e calunnie ma andremo avanti più coesi di prima", ha proseguito Grillo. 

"Io avevo fatto un piccolo passo indietro. Io e Gianroberto ci eravamo organizzati così, abbiamo messo 5 ragazzi: non ce la possiamo fare da soli. Ora mi chiedono: sei rientrato? Sì, sono rientrato".  "A Roma, noi possiamo anche aver fatto qualche piccolo sbaglio, benissimo. Noi non siamo professionisti, i professionisti hanno ridotto il Paese in questo modo. Noi non ci fermiamo", ha continuato Grillo.

"E' il nostro momento. Stanno cambiando la legge elettorale e la costituzione proprio perché esistiamo noi", ha aggiunto il fondatore del Movimento in diretta streaming su Facebook prima di andare al Foro italico.

Poi arriva la stoccata sul Jobs act: "E' una presa per il culo, la flessibilità è una presa per il culo, sul lavoro ti controlla la vita. Sei lì ad aspettare che il lavoro ti chiami, non c'è tempo libero e lavoro, c'è il tempo. La crescita manda a casa le persone, ma noi come Movimento vogliamo che nessuno rimanga indietro".

LEGGI ANCHE Di Battista attacca: Referendum? Renzi mente più di Berlusconi

Loading the player...

"Siamo di fronte a una seconda generazione che non ha conosciuto l'entusiasmo delle origini. Ecco, dobbiamo innestare in loro l'entusiasmo iniziale. Bisogna tornare alla visione iniziale: come vogliamo vivere tra dieci anni?", ha aggiunto Grillo ai cronisti. "La Sicilia è sempre stato il nostro punto di riferimento", ha aggiunto Grillo al Foro italico, rispondendo a chi gli chiedeva se dalla Siciia partisse la seconda fase del M5s.

LEGGI ANCHE Italicum, Di Maio a Renzi: Non perdere tempo a cambiarlo, problema sei tu

Alla domanda se i parlamentari cinquestelle fossero stanchi delle vicende politiche, Grillo ha risposto: "E' chiaro che la politica logora dopo un po'. I miei sono stanchi ma non sono tentati dal potere".  "La fase due - ha spiegato - è per dire che abbiamo una seconda generazione che va sensibilizzata sugli argomenti".

DAVIDE CASALEGGIO: BELLISSIMA GIORNATA. "E' una bellissima giornata, stiamo lavorando tutti insieme", ha dichiarato Davide Casaleggio durante una breve incursione tra i gazebo al Foro italico di Palermo. Qualche attivista si presenta: "Non ci siamo mai visti". Lui sorride e stringe mani prima di rifugiarsi nel backstage della manifestazione M5S.

LEGGI ANCHE Casaleggio: Dobbiamo restare uniti e realizzare sogno di mio padre

FICO: NON RIPETERE ERRORI ALTRUI. "L'ordine alfabetico (degli interventi sul palco, ndr) è servito per dare uno stop ai personalismi. Questo vale anche per i meet up: noi dobbiamo essere capaci di leggere cos'è successo agli altri senza pensare di essere immuni. Noi dobbiamo leggere una storia e cercare di non ripeterla, se siamo in grado: non è detto che siamo in grado, ma questa è il bello. L'importante è dirsi le cose", ha affermato Roberto Fico al raduno M5S. "Il palco è sempre un'illusione per me, potrebbe anche non esserci e potrebbero esserci solo gazebo: questo è il M5S. Anche con Beppe abbiamo detto che i palchi vanno bene, ma si possono anche superare. I palchi servono per i raduni, ma non se devono diventare un momento di verifica per vedere se parla prima l'uno o l'altro", aggiunge.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma, la sindaca Raggi sarà testimone al processo Marra

Roma, la sindaca Raggi sarà testimone al processo Marra

Coimputato per corruzione l'imprenditore Sergio Scarpellini

Alfano attacca il Pd sulla data del voto: Questa impazienza avrà costo salatissimo

Alfano attacca il Pd sulla data del voto: Questa impazienza avrà un costo salatissimo

Ieri lo strappo tra Renzi e il leader di Ap sulla legge elettorale: a dividere i due fronti la soglia di sbarramento al 5%

Legge elettorale, Renzi scarica Alfano: Tedesco e soglia al 5%. Dem pronti a voto

Legge elettorale, Renzi scarica Alfano: Tedesco e soglia al 5%

Il patto Pd-FI-M5S regge e spacca la maggioranza di Governo. Oggi il faccia a faccia con gli azzurri senza Berlusconi

Legge elettorale, incontro Pd-M5S: ok al 'tedesco'. Renzi vede Alfano: posizioni distanti

Legge elettorale, da Pd e M5S ok al 'tedesco'. Renzi: Soglia al 5% e nome sulla scheda

Si allontana l'intesa con Alfano, che precisa: "Le posizioni sono distanti sia sull'impostazione della legge, sia sulla data del voto"