Giovedì 16 Novembre 2017 - 15:45

M5S, Di Maio rassicura il Vaticano: "Moderati e non antieuropei"

A Washington, il candidato grillino ha visto il segretario di Stato della Santa Sede, Pietro Parolin: "Noi né di destra né di sinistra"

Presentazione del libro Morte dei Paschi

Un Movimento 5 Stelle "moderato, non antieuropeo, né di destra né di sinistra". Luigi Di Maio va presentando così l'M5S nel corso dei suoi inciontri americani. Lo ha fatto ieri con Conrad Tribble, uomo dello staff della Casa Bianca con delega ai rapporti con l'Europa, lo ha fatto anche oggi, sempre a Washington, in un incontro più "casalingo" (non fosse altro che per la lingua) con il Segretario di Stato vaticano Pietro Parolin.

Il candidato premier del M5S ha toccato tutti i temi già affrontati con i membri del Dipartimento di Stato Usa. Consapevole delle "falsità che vengono raccontate sul M5s", l'obiettivo del capo politico pentastellato - secondo quanto rivelano fonti presenti all'incontro - è stato quello di chiarire tutti i punti più importanti in politica estera e non solo.

In particolare, Di Maio ha assicurato a un Vaticano preoccupato per le posizioni sui migranti assunte dalle ultradestre che i Cinquestelle nulla hanno a che spartire con i populisti europei, e che il M5S si riconosce in una forza politica moderata, né di destra né di sinistra. La volontà dei Cinquestelle è di restare nella Nato e nell'Unione europea, ha sottolineato Di Maio nel colloquio con il Cardinale.

In questo quadro, ha spiegato il Cinquestelle, gli Usa si configurano come un alleato fondamentale per il M5S che rifiuta qualsiasi isolazionismo. Di Maio ha infine assicurato il Segretario di Stato vaticano che il Movimento 5 Stelle sarà in grado di garantire all'Italia un governo dopo le elezioni, se dovesse risultare la prima forza politica del Paese.

Anche fonti interne alla Santa Sede hanno confermato il faccia a faccia. Parolin si trovava negli Usa per l'assemblea della Conferenza episcopale che quest'anno celebra il suo centenario. I rapporti fra M5S e Vaticano si erano raffreddati mesi fa dopo le dichiarazioni di Beppe Grillo che aveva paragonato i Cinquestelle ai francescani. A maggio il garante aveva affermato che il M5S "sta con gli ultimi, come Papa Francesco". Ed è di oggi una nota dei deputati e dei senatori M5S che plaudono alle dichiarazioni del pontefice sul fine vita: "Le parole del Papa sono chiarissime, ora il Parlamento faccia suo dovere".

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Matteo Renzi ospite a Porta a Porta

Pd, Renzi 'indisponibile' a confronto con Di Maio. Gentiloni e Zingaretti attesi a Ravenna

La festa dell'Unità si terrà in Emilia dal 24 agosto al 10 settembre. È già polemica sull'invito al vicepremier pentastellato

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito