Martedì 10 Gennaio 2017 - 22:00

M5S, Di Maio: A referendum io voterei per uscire da questo euro

"La parola di Verhofstadt non vale un fico secco, la figuraccia è sua"

M5S, Di Maio: A referendum io voterei per uscire da questo euro

"Credo che si debba chiedere con un referendum agli italiani se vogliono o meno restare nell'euro. Io voterei per una strategia alternativa all'euro attuale. Non voterei per restare nell'euro, voterei per un'uscita da questo euro. Si deve abbandonare questo euro e tornare alla moneta sovrana o, se c'è un accordo con altri Paesi, trovare un'altra moneta comune". Il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio è tornato sulla questione europea intervenendo a Di Martedì. "Io penso che la più grande figuraccia l'abbia fatta il presidente del gruppo Alde Verhofstadt che prima dice 'sì siamo disponibili ad acogliere la vostra delegazione con un preaccordo', quindi noi facciamo votare i nostri iscritti il sì all'Alde, e dopo si rimangia la parola. Noi abbiamo rispettato tutti i passaggi istituzionali come gruppo, ma la parola di quel signore non vale un fico secco". "Hanno avuto paura di un Movimento che voleva entrare nel terzo gruppo parlamentare europeo. Noi Verhostadt non lo avremmo votato comunque e glielo abbiamo detto", ha sottolineato il deputato del M5S, "siamo nel gruppo che è destinato ad andare via dal Parlamento europeo perché il Regno Unito è uscito dall'Unione europea quindi abbiamo chiesto ad altri gruppi se ci accettavano senza cambiare il nostro programma e senza imporlo ad altri".

LEGGI ANCHE 'Ue, Grillo: Nessun contratto con Alde, carte false. Verhostadt dovrebbe vergognarsi'

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bormio, il comizio di Matteo Salvini

Ius soli, Lega contro Papa: Lo faccia in Vaticano

Il centrodestra, senza entrare nel merito, prende le distanze dalla legge, mentre la Lega è durissima

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo, non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi