Giovedì 23 Marzo 2017 - 15:15

M5S, Casaleggio: Noi al 30% grazie a Rousseau e internet

"Abbiamo cambiato le regole dei partiti e dei mass media tradizionali"

M5S, Casaleggio: Noi al 30% grazie a Rousseau e internet

"Attraverso l'utilizzo di Internet, abbiamo cambiato le regole dei partiti politici e dei mass media tradizionali". Così Davide Casaleggio in un articolo di The World Post riportato sul blog di Beppe Grillo. "In Italia, questa evoluzione è stata resa possibile in parte grazie a Rousseau, sistema operativo del MoVimento 5 Stelle, che consente ai cittadini di partecipare alle attività del movimento. Sono oltre 140mila le persone che offrono il loro contributo diretto in Italia. Il nome Rousseau è stato scelto in omaggio al famoso filosofo europeo che riteneva che l'unico modo per conoscere i desideri e le aspirazioni delle persone fosse interrogarle direttamente", aggiunge.

"Attraverso questo modello di democrazia partecipata, il MoVimento 5 Stelle ha raggiunto circa il 30 per cento nei sondaggi nazionali - spiega Davide Casaleggio -. Attraverso l'utilizzo di Internet, abbiamo cambiato le regole dei partiti politici e dei mass media tradizionali. Oggi, il MoVimento 5 Stelle può scegliere i propri candidati online. I cittadini possono addirittura sceglierli per le elezioni parlamentari, per il Parlamento europeo e per le assemblee regionali. I potenziali candidati devono solo postare i loro curricula, le loro presentazioni video e le loro proposte".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito

Cdp, chi è Palermo: manager interno che ha lavorato a Fincantieri

Lavora già a Cdp da quasi 4 anni, dove è Chief Financial Officer

Camera dei Deputati - Voto di fiducia al governo Conte

Cdp, c'è l'accordo sulle nomine: l'ad sarà Fabrizio Palermo. Fumata bianca dopo il vertice a Palazzo Chigi

Sbloccato l'impasse. Di Maio: "L'intesa è un'ottima notizia". Tria incassa la nomina desiderata al Tesoro: Rivera nuovo dg