Mercoledì 28 Giugno 2017 - 17:00

Lotito: Mai sceso a patti con ultrà. Ogni giorno ricevo minacce

"Io scrivo l'orario e presento tutto a chi di dovere: i responsabili vengono quasi sempre individuati"

Lotito: Mai sceso a patti con ultrà. Ogni giorno ricevo minacce

"La tifoseria prima decideva tutto, entrava a Formello e decideva chi far giocare. Una volta sono entrati dentro il centro sportivo. Questi fenomeni vanno gestiti, le norme ci sono e vanno applicate in modo rigido. Se commetti un reato grave, devi dare una sanzione pesante e va scontata, altrimenti tutto è consentito. Ora la tifoseria ha capito che si può tifare nel rispetto delle regole, ed è un punto in più per il club". A dirlo il presidente della Lazio Claudio Lotito, durante l'audizione in Commissione Antimafia. "Io non sono mai sceso a patti e ci sono stati certi risultati, credo che la tifoseria l'abbia capito. Se rimani su una certa linea devono assumere un certo atteggiamento", ha aggiunto.

"Io ancora oggi ricevo sette, otto telefonate di minacce al giorno. Sapete cosa faccio? Io scrivo l'orario e presento tutto a chi di dovere: i responsabili vengono quasi sempre individuati", ha aggiunto Lotito. 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma - Lazio

Serie A, Roma vince il derby e si siede al tavolo delle pretendenti allo scudetto

A segno Perotti e Nainggolan, non basta la rete di Immobile

Nazionale, Ancelotti dice no alla panchina. Il procuratore: "Non è interessato"

Tavecchio in un'intervista alle 'Iene': "La debacle è tecnica, non dormo da quattro giorni"

(SP)ITALY-MILAN-FOOTBALL-FIFA WORLD CUP QUALIFIER-ITALY VS SWEDEN

Nazionale, Ventura: "Profondo dispiacere, ma le sconfitte non hanno una sola verità"

L'ex ct azzurro parla per la prima volta dopo l'esonero: "Il mio successore riporti l'Italia in alto"

La Nazionale e gli scenari futuri: all'Italia che verrà serve ancora Buffon

Un nuovo capitolo a Coverciano per il portierone? Magari non subito, ma l'ipotesi inizia a farsi strada dopo il caos post Svezia