Mercoledì 28 Giugno 2017 - 17:00

Lotito: Mai sceso a patti con ultrà. Ogni giorno ricevo minacce

"Io scrivo l'orario e presento tutto a chi di dovere: i responsabili vengono quasi sempre individuati"

Lotito: Mai sceso a patti con ultrà. Ogni giorno ricevo minacce

"La tifoseria prima decideva tutto, entrava a Formello e decideva chi far giocare. Una volta sono entrati dentro il centro sportivo. Questi fenomeni vanno gestiti, le norme ci sono e vanno applicate in modo rigido. Se commetti un reato grave, devi dare una sanzione pesante e va scontata, altrimenti tutto è consentito. Ora la tifoseria ha capito che si può tifare nel rispetto delle regole, ed è un punto in più per il club". A dirlo il presidente della Lazio Claudio Lotito, durante l'audizione in Commissione Antimafia. "Io non sono mai sceso a patti e ci sono stati certi risultati, credo che la tifoseria l'abbia capito. Se rimani su una certa linea devono assumere un certo atteggiamento", ha aggiunto.

"Io ancora oggi ricevo sette, otto telefonate di minacce al giorno. Sapete cosa faccio? Io scrivo l'orario e presento tutto a chi di dovere: i responsabili vengono quasi sempre individuati", ha aggiunto Lotito. 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FBL-ITA-SERIE A-LAZIO-SAMPDORIA

Lazio tiene passo Champions: poker a Samp, doppietta Immobile

Travolta senza affanni una Samp incostante e nuovo aggancio in classifica per un finale di stagione che si preannuncia incandescente per un posto in Champions

TOPSHOT-FBL-EUR-C3-CSKA MOSCOW-ARSENAL

Wenger, addio all'Arsenal: c'è anche Allegri per la successione

L'allenatore della Premier league se ne va a 68 anni

Fiorentina - Lazio

Lazio espugna il Franchi: Fiorentina ko 4-3

Rimonta pazzesca per la squadra di Simone Inzaghi e una Fiorentina che esce sconfitta ma non ridimensionata

BELGIUM-EU-UEFA-COOPERATION

Uefa, Ceferin: "Collina non si tocca. Var in Champions? E' presto"

E sullo sfogo di Buffon: "Quello che ha detto non è giusto, non doveva. Ma capisco la frustrazione e la delusione"