Giovedì 15 Giugno 2017 - 21:00

Rogo a Londra, 17 morti accertati. Polizia: Speriamo meno di 100

I soccorritori non si aspettano di trovare superstiti, ancora dispersi i 2 italiani. La regina Elisabetta: "Prego per le famiglie"

Londra, rogo nel grattacielo: ancora dispersi i due italiani. May in visita alla torre

Della Grenfell Tower è rimasto uno scheletro grigio. I morti accertati sono 17 ma il numero è destinato ad aumentare.  La polizia di Londra spera che i morti siano meno di 100. È quanto ha detto il comandante della polizia di Londra, Stuart Cundy. A chi gli chiedeva se il bilancio finale sarà a due o a tre cifre, Cundy ha risposto: "Spero che non sarà a tre cifre". 

I vigili del fuoco non sono riusciti a effettuare una ricerca completa nei 24 piani del grattacielo andato in fiamme ieri a Londra, perchè non è considerato sicuro. "Non voglio mettere a rischio la sicurezza dei miei uomini", ha detto a ITV Dany Cotton, spiegando che ricerche approfondite riprenderanno quando l'edificio verrà dichiarato sicuro. I soccorritori non si aspettano di trovare superstiti all'interno del grattacielo. L'origine dell'incendio non è ancora stata chiarita.

GLI ITALIANI DISPERSI. Ieri un gigantesco incendio ha inghiottito un palazzo a North Kensington, non lontano da Notting Hill. Almeno 74 i feriti portati in sei ospedali, di cui 20 in condizioni critiche, mentre testimoni raccontano scene di panico e persone lanciate dalle finestre per salvarsi dalla trappola del fuoco. Risultano ancora dispersi i due giovani italiani. Si tratta di Marco Gottardi e Gloria Trevisan, fidanzanti, entrambi originari del Veneto e da alcuni mesi nella capitale britannica. 

Giannino Gottardi, padre di Marco, ha dichiarato a LaPresse: "Stamattina io e mia moglie dovevamo partire per una breve vacanza. Alle 3.45 mi ha chiamato la madre di Gloria per dirmi che la figlia l'aveva contattata spiegandole che c'era questo incendio nel grattacielo dove i ragazzi vivevano. Anche io da quel momento li ho sentiti più volte fino alle 4.07, quando è avvenuto l'ultimo contatto". 

REGINE: PREGO PER VITTIME. "I miei pensieri e le mie preghiere vanno a quelle famiglie che hanno perso i loro cari nell'incendio della Grenfell Tower e alle tante persone che versano ancora in condizioni critiche in ospedale. Io e il principe Filippo vorremmo rendere omaggio al coraggio dei vigili del fuoco e degli altri soccorritori che hanno messo a rischio le loro vite per salvarne altre. E' rinfrancante vedere l'incredibile generosità messa in campo dai volontari che si sono radunati per aiutare chi è rimasto colpitop da questo terribile evento". Lo scrive la regina Elisabetta in una nota diramata da Buckingham Palace.

MAI ALLA GRENFELL TOWER. La premier britannica Theresa May è arrivata in visita alla Grenfell Tower di North Kensington. May ha parlato con i vigili del fuoco e i soccorritori. 

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

La Proactiva Open Arms in azione al largo della Libia

Open Arms: "Nessuna denuncia contro l'Italia". La Libia respinge le accuse

Per l'ong la guardia costiera libica è colpevole di omissione di soccorso e omicidio colposo in relazione alla morte di due migranti. Tripoli nega: "Solo calunnie"

Foto diffusa dal profilo Instagram di Kensington Palace - Credit: Matt Porteus

Il principe George compie 5 anni: tanti auguri al royal baby più amato

Pioggia di messaggi affettuosi sui social. E in dono arriva anche una moneta commemorativa

Usa, barricato nel market di Hollywood uccide una donna: bloccato

Prima ha sparato alla nonna e alla fidanzata: durante la fuga si è rifugiato nel supermercato prendendo in ostaggio diverse persone. Alla fine si è arreso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Migranti, Open Arms accusa Libia e Italia. Viminale: "Bugie, li denunciamo"

La nave sbarca in Spagna con a bordo i cadaveri della donna e del bimbo recuperati a largo delle coste della Libia e Josepha, unica sopravvissuta al naufragio