Lunedì 18 Settembre 2017 - 10:45

Londra, identificato il secondo sospetto: è il siriano Yahyah Farroukh

Interrogati a Londra due giovani, di 21 e 18 anni, per l'attentato alla metro di Parsons Green

Londra, proseguono le operazioni di polizia nella zona di Sunbury-on-Thames

Si chiama Yahyah Farroukh il secondo giovane arrestato per l'attacco di venerdì nella metropolitana di Londra. Lo riporta SkyNews, mostrando alcune foto del ventunenne e precisando che al pari del primo fermato, un 18enne indicato come l'autore materiale dell'attentato di cui non è ancora nota l'identità, avrebbe "legami" con Penelope e Ronald Jones, i due anziani del Surrey che per anni hanno dato ospitalità a ragazzi rifugiati. Secondo vari media, Farroukh risulta residente a Stanwell, nel Surrey e sarebbe un cittadino siriano, originario di Damasco.

Quello che invece ha dichiarato la polizia britannica finora è che continuano gli interrogatori ai due sospetti fermati per l'attentato, spiegando che i due uomini, di 18 e 21 anni, si trovano in un commissariato della capitale. Gli agenti hanno inoltre perquisito tre proprietà, due delle quali si trovano nella contea di Surrey, alle porte di Londra, a Sunbury-on-Thames e a Stanwell. La terza si trova invece a Hounslow, vicino all'aeroporto londinese di Heathrow. Il giovane 18enne è stato arrestato sabato nella zona del porto di Dover, mentre il 21enne è finito in manette poche ore dopo a Hounslow. 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

US-POLITICS-ECONOMY-IMF-WORLDBANK-SPRING-MEETINGS

La Francia avverte l'Italia: "Se non rispetta impegni a rischio stabilità dell'eurozona"

Il ministro dell'Economia Bruno Le Maire lancia l'allarme e ricorda: "In Europa ci sono regole da rispettare"

VENEZUELA-ELECTION-PREPARATIONS

Venezuela stremato al voto per le presidenziali: Maduro verso la rielezione

Urne aperte fino alle 18 (mezzanotte in Italia). Schierati circa 300mila militari e poliziotti

Germania, festival neonazista per celebrare il compleanno di Hitler

Germania, due morti in una sparatoria a Saarbrücken

Non si tratterebbe di attentato, ma di un crimine in ambiente familiare