Martedì 23 Gennaio 2018 - 08:30

Londra, rientra l'allarme per la fuga di gas: riaperte metro e strade

Circa 1.500 le persone evacuate nella notte

La situazione è tornata alla normalità nel centro di Londra, dove circa 1.500 persone sono state evacuate nella notte a seguito di una fuga di gas. Lo riferiscono i servizi di trasporto londinesi. Lo Strand, asse importante della circolazione fra Trafalgar Square e il ponte di Waterloo, "è ormai aperto", ha scritto su Twitter l'autorità dei trasporti di Londra TfL. Sono state riaperte anche le stazioni di Charing Cross e Waterloo Est, che accolgono ogni giorno decine di migliaia di passeggeri, secondo quanto riferisce National Rail.

 

Sulle linee ferroviarie, tuttavia, ci saranno ripercussioni fino alle 16 circa ora italiana. "La fuga di gas è stata bloccata, i controlli di sicurezza sono stati effettuati e le strade sono interamente riaperte", ha scritto ancora la compagnia di gas Cadent, precisando che la fuga di gas era stata individuata "all'incrocio fra Craven Street e Corner House Street".

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

L'astronauta Alan L. Bean , pilota del modulo lunare , fotografato durante l 'attività extraveicolare sulla luna - Le foto fu fatta dal comandante Charles Conrad jr.

Addio a Alan Bean, quarto uomo sulla Luna

E' morto in Texas all'età di 86 anni. Partecipò alla missione Apollo 12

Coree, incontro a sorpresa Kim-Moon. Summit con Trump ancora possibile

Si sono riuniti per la seconda volta (la prima era stata il mese scorso) a Panmunjom, villaggio che si trova nella zona demilitarizzata nota come Dmz

Libia, Fayez al-Sarraj parla con i giornalisti a Tripoli

Libia, le milizie: "Abbiamo preso i palazzi del potere a Tripoli"

Gli attivisti sui social riferiscono si tratti delle brigate Halbous, dei rivoluzionari e Ghaniwa. Ma il governo smentisce

Irlanda, domani il paese alle urne per il referendum sull'aborto

Storica svolta in Irlanda: sì al referendum sull'aborto

Il 66,4% degli elettori ha votato a favore dell'abrogazione del divieto costituzionale dell'interruzione volontaria di gravidanza. L'affluenza si è attestata al 64,1%