Martedì 23 Gennaio 2018 - 08:30

Londra, rientra l'allarme per la fuga di gas: riaperte metro e strade

Circa 1.500 le persone evacuate nella notte

La situazione è tornata alla normalità nel centro di Londra, dove circa 1.500 persone sono state evacuate nella notte a seguito di una fuga di gas. Lo riferiscono i servizi di trasporto londinesi. Lo Strand, asse importante della circolazione fra Trafalgar Square e il ponte di Waterloo, "è ormai aperto", ha scritto su Twitter l'autorità dei trasporti di Londra TfL. Sono state riaperte anche le stazioni di Charing Cross e Waterloo Est, che accolgono ogni giorno decine di migliaia di passeggeri, secondo quanto riferisce National Rail.

 

Sulle linee ferroviarie, tuttavia, ci saranno ripercussioni fino alle 16 circa ora italiana. "La fuga di gas è stata bloccata, i controlli di sicurezza sono stati effettuati e le strade sono interamente riaperte", ha scritto ancora la compagnia di gas Cadent, precisando che la fuga di gas era stata individuata "all'incrocio fra Craven Street e Corner House Street".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Messico, i giorni dopo il terremoto

Messico, tre italiani scomparsi: inchiesta su poliziotti Tecalitlan

Si tratta di un sessantenne, di suo figlio di 25 anni e di suo nipote di 29 anni: i parenti non hanno loro notizie dal 31 gennaio

Prima del film Suburbicon a Los Angeles

Clooney donano 500mila dollari per la manifestazione contro le armi

L'attore e la moglie aiutano a finanziare il corteo del 24 marzo a Washington, organizzato dopo la sparatoria nel college in Florida in cui sono morte 17 persone

Trump parla alla Nazione dopo la sparatoria in Florida

La Cnn contro Trump: "Golf e Twitter durante funerali in Florida"

Il duro editoriale dell'anchorman Anderson Cooper: "Due famiglie hanno seppellito i loro figli. Nessuna menzione nei suoi tweet"

Corea oltre le Olimpiadi, viaggio al confine tra Nord e Sud: "Ripartiamo dalla bandiera unita"

Nella zona demilitarizzata si respira ibisco e tensione, tra chi vorrebbe l'unità e chi ne ha paura