Sabato 07 Ottobre 2017 - 16:00

Londra, auto contro passanti fuori dal museo di Storia Naturale: 11 feriti. Non è terrorismo

L'uomo è stato arrestato, ma il fatto viene trattato dalla polizia come un incidente stradale

Londra, auto contro passanti fuori dal museo di Storia Naturale

Diverse persone sono state ferite da un'auto che le ha travolte dopo essere salita sul marciapiede fuori dal Museo di storia naturale di Londra. Lo hanno riferito i media locali. Non si è trattato di un attentato terroristico: la polizia sta trattando il fatto come un incidente stradale.

La polizia di Londra ha confermato che l'uomo è stato bloccato e arrestato: la Metropolitan Police lo ha reso noto su Twitter, precisando che il fatto è accaduto in Exhibition Road. Indagini sono in corso. Intanto, lo stesso museo e altri della zona sono stati evacuati, così come la stazione della metropolitana South Kensington.

In tutto sono undici le persone ferite dall'auto, in gran parte alla testa e alle gambe: nove di loro sono state portate in ospedale.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

US President Donald Trump takes part in a ìlistening sessionî on gun violence

Proposta Trump: "Armare i prof per difendere le scuole"

L'idea del presidente Usa spiegata ai ragazzi della scuola della strage e dei loro genitori. Proteste in tutto il Paese

Aumenta la paura per i continui attacchi di Boko Haram in tutta la regione del lago CiadMSF ha integrato il supporto psicologico alle attività mediche

Nigeria, 111 le studentesse scomparse dopo l'attacco di Boko Haram

L'episodio ricorda il rapimento delle oltre 270 ragazze avvenuto a Chibok nel 2014

Messico, i giorni dopo il terremoto

Messico, tre italiani scomparsi: inchiesta su poliziotti Tecalitlan

Si tratta di un sessantenne, di suo figlio di 25 anni e di suo nipote di 29 anni: i parenti non hanno loro notizie dal 31 gennaio

Prima del film Suburbicon a Los Angeles

Clooney donano 500mila dollari per la manifestazione contro le armi

L'attore e la moglie aiutano a finanziare il corteo del 24 marzo a Washington, organizzato dopo la sparatoria nel college in Florida in cui sono morte 17 persone