Giovedì 23 Giugno 2016 - 13:15

Lombardia, scandalo sanità: danno erariale da 4 milioni euro

Cliniche odontoiatriche affidate in maniera irregolare all'imprenditrice Maria Paola Canegrati

Lombardia, scandalo sanità: danno erariale da 4 milioni di euro

La procura della Corte dei conti della Lombardia ha eseguito una serie di sequestri conservativi su beni immobili, conti correnti e altri crediti nei confronti di pubblici funzionari di aziende sanitarie lombarde. Le misure cautelari sono state disposte per un presunto danno patrimoniale alla sanità pubblica di circa 4 milioni di euro, in seguito alla violazione della disciplina degli appalti pubblici nell'affidamento a privati del servizio di odontoiatria. L'indagine, denominata 'Smile', riguarda le cliniche odontoiatriche degli ospedali lombardi affidate in maniera irregolare alla gestione di Maria Paola Canegrati e nel febbraio scorso ha portato in carcere oltre all'imprenditrice anche l'ex consigliere regionale della Lega Fabio Rizzi e altre 7 persone. Dall'inchiesta, coordinata dal pm di Monza Manuela Massenz, era emerso tra le altre cose che i medici che facevano capo alla Canegrati tendevano a scoraggiare i pazienti a farsi curare dalla sanità pubblica, segnandoli in liste d'attesa interminabili. I malcapitati venivano orientati in questo modo a effettuare interventi e impianti dentari a pagamento. Spese spesso inutili, perché non sempre le cure consigliate erano necessarie. Non solo. In un caso, una paziente che aveva un tumore alla bocca non era stata curata adeguatamente ed era morta.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Nevicata in Piemonte - Disagi sulla A32 Torino Bardonecchia

Liguria, treno bloccato per il maltempo: 400 passeggeri al freddo

Il convoglio è rimasto fermo dalle 17 di domenica pomeriggio per circa 4 ore, a causa del fenomeno del gelicidio

Prima nevicata a Milano

Maltempo in arrivo in tutta Italia: allerta in Emilia Romagna, Liguria, Toscana

Calano le temperature. Attese pioggia e neve, attenzione per pericolo valanghe

È morto monsignor Antonio Riboldi, vescovo antimafia

Lo comunica la Curia di Acerra. Aveva 94 anni. Disse: "Meglio ammazzato che scappato dalla camorra"