Mercoledì 28 Settembre 2016 - 08:15

Lombardia, blitz antidroga: 25 arresti, tra pusher anche un 14enne

Smantellata una rete criminale che gestiva ingenti quantità di cocaina e hashish

Lombardia, blitz antidroga: 25 arresti, tra i pusher anche un 14enne

Blitz antidroga in Lombardia: la polizia ha arrestato 18 persone, nove italiani e nove magrebini, tutte accusate a vario titolo di traffico e spaccio di droga. Nei confronti di altre 7 persone (6 italiane, di cui tre donne, e una magrebina) si sta eseguendo la misura degli arresti domiciliari, mentre ad un cittadino italiano si sta notificando l'obbligo di dimora nel comune di residenza. I provvedimenti sono frutto di un'articolata attività investigativa svolta dal commissariato di Sesto San Giovanni iniziata nel dicembre del 2014, a seguito di informazioni riservate ottenute degli agenti della squadra investigativa del commissariato in merito a un presunto spaccio di droga nel quale sarebbe stato coinvolto, quale pusher, anche un minore di circa 14 anni, figlio di una cittadina italiana e di un maghrebino. Diversi appostamenti e servizi di osservazione nel comune di Sesto San Giovanni hanno consentito di confermare le scarne notizie inizialmente giunte agli investigatori che sono riusciti a ricostruire, in una prima fase, la rete dei fornitori del giovanissimo pusher.

In un secondo momento, attraverso intercettazioni telefoniche e ambientali, l'indagine si è ampliata fino a consentire di disegnare la mappa di due distinti gruppi criminali i quali, benché collegati, operavano in modo autonomo sul territorio dell'hinterland milanese e brianzolo, con particolare riguardo al territorio di Sesto San Giovanni, Cinisello Balsamo e Monza. Il primo gruppo, di origine maghrebina, si occupava prevalentemente del traffico e della rete di spaccio di cocaina e hashish nei territori di Cinisello Balsamo e di Monza, mentre il secondo gruppo operava prevalentemente sul territorio di Sesto San Giovanni. Sono stati altresì individuati diversi fornitori con basi operative e di smistamento sul territorio di Milano, in particolare in zona Giambellino e zona Navigli.

La rete criminale aveva livelli ben organizzati per 'lavorare' in proprio: alcuni degli arrestati si dedicavano prevalentemente al reperimento e all'acquisto di sensibili quantitativi di droga, altri smistavano e custodivano le sostanze in basi ritenute sicure e i pusher si occupavano dello smistamento e vendita al dettaglio ai tossicodipendenti sul territorio. Nel corso di tutta la durata dell'indagine sono stati sequestrati diversi chili di cocaina e hashish.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Smog, nube tossica su pianura padana. ClientEarth: "Ora misure coraggiose"

A nulla è servito il blocco ai veicoli diesel più inquinanti

Salvini in piazza a Firenze

Firenze, cade pietra basilica Santa Croce: muore turista spagnolo

La vittima, un uomo di 52 anni, era in vacanza con la moglie che ha assistito all'incidente

Un profeta come si deve

Luz contro la violenza sulle donne con il corto 'Un profeta come si deve'

Un dialogo fra Dio e San Pietro sulla situazione del mondo femminile

Brescia, Polizia Stradale e alcol test

Trasporti, oltre 20mila italiani senza punti sulla patente

Secondo l'analisi di Facile.it. A Napoli il maggior numero di automobilisti a 0 punti davanti a Milano e Roma