Martedì 14 Marzo 2017 - 11:45

Lodi, Maroni: Difesa è sempre legittima, cambiare la legge nazionale

Il presidente della Lombardia: "Il mondo sta andando al contrario"

Lodi, Maroni: Difesa è sempre legittima, cambiare la legge nazionale

"Il mondo sta andando al contrario perché, se uno che difende se stesso, le sue cose e i suoi familiari da uno che entra e fa violenza viene indagato per omicidio volontario, siamo in un mondo al contrario". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, a margine di un incontro a Palazzo Lombardia sulla montagna, tornando sul tweet che ha scritto dopo che Mario Cattaneo, ristoratore di Castelletto Lodigiano, è finito sotto inchiesta per omicidio volontario dopo aver ucciso un ladro che era entrato nel suo locale. "Il ristoratore indagato è da mondo al contrario", aveva 'cinguettato' l'ex segretario federale della Lega Nord. "Spero in un ravvedimento nel prosieguo delle indagini della procura e spero che lui non sia neanche sottoposto a procedimento penale. Si è difeso, punto. La difesa è sempre legittima. Detto questo bisogna modificare la legge nazionale, certo", ha aggiunto Maroni.

"Noi - ha aggiunto il governatore - abbiamo fatto la nostra legge che dà sostegno legale a chi è indagato e processato per eccesso colposo di legittima difesa. Perché l'eccesso colposo in legittima difesa è qualcosa che va cancellato. In questo caso la nostra legge non lo consente, a meno che nel corso del procedimento o alla fine il titolo di reato cambi da omicidio volontario a eccesso colposo e, allora, possiamo intervenire anche ex post a rimborsare le spese legali", ha concluso Maroni.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

SPAIN-MIGRANTS-EU-PROACTIVA-OPEN-ARMS

Migranti, Open Arms al largo della Libia. Salvini: "In Italia non ci arrivano"

Un altro tira e molla tra l'Italia e una Ong, dopo la vicenda Lifeline di fine giugno

Presentazione del XVI Rapporto annuale dell’INPS

Dl dignità, governo contro Boeri. Lui ribatte: "I dati non si fanno intimidire"

Il ministro del Lavoro si era scagliato contro le lobby che avrebbero modificato la relazione tecnica sul decreto

Luigi Di Maio ospite di "In Onda"

Decreto dignità, Di Maio: "Relazione modificata da lobby". Mef smentisce

Il ministro del Lavoro contro il numero apparso nella relazione tecnica al decreto

Scontro sulla nuova segreteria Pd, Emiliano: "Restiamo fuori". Calenda: "Harakiri"

Il governatore pugliese: "Non entriamo senza garanzia di un profondo cambiamento di linea politica". L'ex ministro duro: "Siamo alla farsa"