Mercoledì 07 Giugno 2017 - 12:00

Lochte: Dopo lo scandalo di Rio ho pensato al suicidio

Ai Giochi denunciò di aver subito, insieme ad alcuni compagni di squadra, una rapina poi rivelatisi infondata

Lochte: Dopo lo scandalo di Rio ho pensato al suicidio

Ryan Lochte ha rivelato di aver meditato il suicidio dopo lo scandalo che lo ha investito agli ultimi Giochi Olimpici di Rio, quando denunciò di aver subito, insieme ad alcuni compagni di squadra, una rapina poi rivelatisi infondata. Una bravata che provocò un caso istituzionale tra Brasile ed Usa e costò all'atleta una lunga squalifica. "Ci sono stati dei momenti in cui ho pensato: se vado a letto e non mi sveglio, va bene", ha commentato Lochte in un'intervista ad Allison Glock di Espn. Alla domanda se abbia pensato al suicidio, il nuotatore ha commentato: "Stavo per gettare tutta la mia vita". "In quel momento ero la persona più odiata al mondo", aveva confessato Lochte lo scorso anno in un'intervista ad Usa Today. In Brasile l'atleta aveva simulato una rapina insieme a tre suoi compagni di squadra per non ammettere di aver distrutto, completamente ubriaco, una stazione di servizio.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Incidente in motorino: muore Noemi Carrozza stella del nuoto sincronizzato

Avrebbe compiuto 21 anni l'11 settembre ed era tesserata per la società romana All Round

Doping, fissata l'udienza sul caso Magnini. Rischia squalifica di 8 anni

Appuntamento il 12 luglio davanti alla prima sezione del Tribunale nazionale antidoping

Campionato italiano Open 2017 

Doping, chiesti 8 anni di stop per Magnini. Il nuotatore: "Vergognoso"

Dopo la pesante richiesta della Procura Nado Italia, lo sportivo si sfoga e racconta la sua versione