Mercoledì 07 Giugno 2017 - 12:00

Lochte: Dopo lo scandalo di Rio ho pensato al suicidio

Ai Giochi denunciò di aver subito, insieme ad alcuni compagni di squadra, una rapina poi rivelatisi infondata

Lochte: Dopo lo scandalo di Rio ho pensato al suicidio

Ryan Lochte ha rivelato di aver meditato il suicidio dopo lo scandalo che lo ha investito agli ultimi Giochi Olimpici di Rio, quando denunciò di aver subito, insieme ad alcuni compagni di squadra, una rapina poi rivelatisi infondata. Una bravata che provocò un caso istituzionale tra Brasile ed Usa e costò all'atleta una lunga squalifica. "Ci sono stati dei momenti in cui ho pensato: se vado a letto e non mi sveglio, va bene", ha commentato Lochte in un'intervista ad Allison Glock di Espn. Alla domanda se abbia pensato al suicidio, il nuotatore ha commentato: "Stavo per gettare tutta la mia vita". "In quel momento ero la persona più odiata al mondo", aveva confessato Lochte lo scorso anno in un'intervista ad Usa Today. In Brasile l'atleta aveva simulato una rapina insieme a tre suoi compagni di squadra per non ammettere di aver distrutto, completamente ubriaco, una stazione di servizio.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Morte del nuotatore Dall'Aglio: un indagato per omicidio colposo

Morte del nuotatore Dall'Aglio: più indagati per omicidio colposo

Il 24enne azzurro della Nazionale era in palestra da solo

Morto Dall'Aglio: il nuotatore azzurro aveva solo 24 anni - Foto tratta dal profilo Facebook

Morto Dall'Aglio: il nuotatore azzurro aveva solo 24 anni

Il giovane di Montecchio avrebbe avuto un malore mentre era in palestra

Nuoto, Coppa del mondo vasca corta Mosca: Pellegrini vince 400 sl

Nuoto, Coppa del mondo vasca corta Mosca: Pellegrini vince 400 sl

Ai piedi del podio nei 100 farfalla Matteo Rivolta

17th FINA World Aquatics Championships - Le gare del 26 Luglio

Nuoto, Pellegrini: Basta 200, sarà strano ma non torno indietro

La campionessa veneta torna sul trionfo ai Mondiali di Budapest e sulla decisione di cambiare specialità