Sabato 22 Aprile 2017 - 00:00

Lo Stato Sociale diventa grande: un 'bel concerto da mitomani'

Al Mediolanum Forum di Assago i cinque ragazzi di Bologna regalano un super live al loro pubblico

Stato sociale

Volevano un 'bel concerto da mitomani' e l'hanno avuto. Lo Stato Sociale fa il salto di qualità: i cinque ragazzi di Bologna sono diventati grandi e entrano in uno dei templi della musica italiana. Un Mediolanum Forum di Assago che non è sold out, ma è come se lo fosse. Perché per Albi, Bebo, Lodo, Carota e Checco è il raggiungimento di un obiettivo che fino a poco fa neanche potevamo immaginare: cantare davanti a diecimila persone. "Siete il più grande 'si può fare' della nostra vita", dice Lodo salutando il pubblico.

Perché quella di Lo Stato Sociale è una storia che parte dal basso e che ora li porta in altissimo. Ma il clima del concerto e il calore del pubblico ricordano tanto gli anni del liceo (c'è da dire che l'età media del pubblico è quella). E' come essere alla festa di fine anno ad ascoltare i compagni di classe che hanno messo su un gruppo e provano in garage. Solo che loro sono riusciti a fare il salto di qualità mantenendo tutta quella spontaneità.

Pochi fronzoli, nessuna scenografia, solo la musica, un maxi schermo su cui passano disegni, scritte e video e tutti i fan che cantano con loro. Un motivo, in realtà, c'è. A inizio concerto una voce registrata spiega: "Ci siamo accorti che, a fare i prezzi bassi, poi non ci stanno i soldi per fare le figate". Lo Stato Sociale, che per loro stessa definizione è più un collettivo che un gruppo, ha deciso infatti di mantenere i biglietti ad un costo popolare per permettere a tutti di partecipare. "Se cinque stronzi di Bologna possono farlo, allora una strada diversa esiste", scrivevano su Instagram prima di salire sul palco. Per loro è la dimostrazione che senza grandi ospiti, senza alte rotazioni in radio, senza multinazionali e sponsor, si può comunque arrivare in alto. "Agli ambiziosi basta vincere, e prima o dopo nella vita può capitarti. Solo i mitomani non si accontentano di vincere ma vogliono cambiare le regole del gioco", dicono.

A quanto pare, loro quelle regole le hanno cambiate. L'unica cosa che si tengono stretti, è il loro pubblico, che dal 2009 a oggi non è cambiato. È cresciuto, sia per età sia in quantità. Ma si diverte e canta ancora come alla festa del liceo, per più di due ore di fila. Proprio come fa Lo Stato Sociale. Per dirla alla loro maniera: "Bella regaz!".

LA SCALETTA: Sessanta milioni di partiti, La rivoluzione non passerà in tv, Buona sfortuna, C'eravamo tanto sbagliati, La musica non è una cosa seria, Nasci rockstar muori giudice ad un talent show, In due è amore in tre è una festa, Mai stati meglio, La felicità non è una truffa, Forse più tardi un mango adesso, Per quanto saremo lontani, Ladro di cuori col bruco, Amore ai tempi dell'Ikea, Magari non è gay ma è aperto, Sono così indie, Eri più bella come ipotesi, Niente di speciale, Amarsi male, Mi sono rotto il cazzo, Abbiamo vinto la guerra, Quasi liberi, Io te e Carlo Marx, Cromosomi, Vorrei essere una canzone.

Scritto da 
  • Chiara Troiano
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ensi torna in scena con 'V': il suo primo album da papà

Tre anni dopo il suo ultimo disco, Rock Steady, il freestyler è pronto per tornare con un lavoro completamente nuovo

Usa, 40° anniversario dalla morte di Elvis Presley a Memphis

Quarant'anni senza Elvis, omaggio dei fan davanti alla casa di Memphis

Una veglia in Tennessee in memoria del cantante che ha cambiato la storia della musica

Taylor Swift, her mother Andrea and attorney Jesse Schaudies react to the verdict being read in Denver Federal Court where the Taylor Swift groping trial goes on in Denver

Taylor Swift vince in tribunale contro dj che le palpò fondoschiena

Risarcimento simbolico di un dollaro per la cantante statunitense: "Deve servire da esempio per le altre donne che potrebbero essere riluttanti a denunciare"

Festival Federico Cesi, il suono dei borghi umbri diventa un concerto

L'Umbria raccontata dalla musica classica per un mese intero