Sabato 04 Novembre 2017 - 11:30

Lo scrittore Signorini rivela: "Avances da una giornalista in cambio di una recensione"

Un bacio sulla guancia, poi l'invito: "Ti aspetto a casa mia, così parliamo del tuo libro"

Foto tratta dal profilo Facebook di Mattia Signorini

Un bacio sulla guancia, poi l'invito: “Ti aspetto a casa mia, così parliamo del tuo libro”. La proposta proviene da una giornalista molto conosciuta e a riceverla è lo scrittore Mattia Signorini, che, a distanza di dieci anni, in un lungo post su Facebook decide di raccontare l'accaduto.

Ad una festa in un appartamento milanese “distesa sul divano centrale, c'era una giornalista tuttora molto conosciuta che aveva da poco passato la sessantina. Anch'io la leggevo. La stimavo. Stimavo la sua eleganza e le sue parole. Avrei voluto solo avere l'occasione di parlare con lei. E magari di farle avere il mio romanzo. Se le fosse piaciuto, un suo articolo avrebbe davvero fatto la differenza”, racconta Signorini. “La mia agente la conosceva di vista, e mi ha presentato come un suo nuovo autore. La giornalista ha interrotto il discorso che stava facendo con i due ragazzi diciottenni che aveva al suo fianco (erano venuti con lei? Li aveva trovati lì? Questo non lo so) e mi ha dedicato tutta la sua attenzione. Mi ha detto, prendendomi la mano: 'Siediti qui, vicino a me', e ha iniziato a parlarmi facendosi vicina, e facendo sentire me molto importante”.

Poi, continua lo scrittore, “mi ha dato un bacio sulla guancia. Non era un bacio affettuoso, né un saluto distaccato. Mi ha sussurrato all'orecchio: 'Ti aspetto a casa mia, così parliamo del tuo libro'”.

Chiede spiegazioni alla sua agente e riceve questa risposta: “Vuole che tu vada da lei. Ti farà una pagina intera, ma mi ha detto che questa recensione avrà un prezzo”.
“Dovrebbero recensire un libro per il libro, non per andare a letto con l'autore”, è la replica del romanziere.

Signorini, in ogni caso, non raccoglie l'invito ma l'accaduto lo lascia “molto turbato, sconfortato e triste”. “Credo che spingere una persona a concedersi con la promessa di una prospettiva migliore sia abominevole. Credo anche però che a letto con qualcuno non ci si finisca inconsapevolmente. A meno che, ovviamente, non si sia costretti con la forza. Ma quello è un altro discorso”, conclude lo scrittore.

 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Tanti giovani, tante storie spezzate sul ponte crollato

I ragazzi di Torre del Greco, i tre francesi in Italia per un Teknival. I fidanzati che partivano per le vacanze e tanti che andavano al lavoro

Genova, crolla ponte sull’A10

Crollo ponte Morandi, viabilità modificata in Liguria: vie alternative

I milioni di veicoli che ogni anno vi transitavano dovranno utilizzare altri itinerari, appesantendo la rete autostradale

Calano sbarchi, omicidi e rapine, ma Salvini non festeggia

I risultati sulla sicurezza passano in sordina nel giorno di lutto per la tragedia di Genova

La Gronda di Genova, storia di un'opera contestata e mai partita

Il primo progetto risale al 1984, ma a causa di ricorsi e veti incrociati non ha mai visto la luce