Martedì 26 Aprile 2016 - 10:15

Lippi: Non pensavo Juve potesse vincere, è scudetto di tutti

E su Allegri dice: "E' stato bravissimo, non bravo. Oggi è il miglior allenatore italiano"

Lippi: Non pensavo Juve potesse vincere, è scudetto di tutti

"Se pensavo che la Juve potesse vincere lo scudetto? In tutta onestà, no. Però avevo detto: attenti, prima di dare questa squadra per spacciata. Alla fine ce la ritroveremo a lottare per il titolo, come sempre". Marcello Lippi, in un'intervista rilasciata a 'La Gazzetta dello Sport', ha parlato del titolo conquistato ieri dai bianconeri con tre giornate d'anticipo dopo un'incredibile rimonta. "E' abituata a vincere con grande anticipo e tanti punti di vantaggio. Una volta che si è trovata così sotto, i giocatori si saranno detti: dov'è scritto che non possiamo recuperare? E hanno ripreso più di 20 punti - ha proseguito l'ex ct della nazionale - Questo è lo scudetto di tutti. Come sempre. Non esiste lo scudetto di uno solo, anche se dovesse segnare 30 gol come Higuain. E' lo scudetto dei giocatori. E' lo scudetto della società che trasmette presupposti psicologici unici. E' lo scudetto dei campioni storici, come Buffon, che hanno trasmesso questi valori ai nuovi. Ed è lo scudetto di un allenatore che incarna perfettamente la cultura del calcio italiano: concreto, saggio, sempre sul pezzo".

Lippi si è poi soffermato ulteriormente sul lavoro di Massimiliano Allegri. "E' stato bravissimo, non bravo. Ha avuto una crescita continua, direi spaventosa, e oggi è il miglior allenatore italiano. Ha tutto quello che ci vuole e non intendo soltanto la competenza tecnico-tattica, che forse è la meno importante - ha proseguito l'ex allenatore della Juventus - Bravo anche a gestire il turnover, a far sentire tutti importanti e parte di un progetto: gli avvicendamenti non sono stati solo per emergenza". L'unico rimpianto a Torino è rappresentato dalla Champions League. "Sì, forse l'unica cosa sbagliata, dal Sassuolo in poi, è stata la partita a Siviglia. Certe situazioni, tipo il gol di Cuadrado nel derby all'ultimo, avevano fatto capire che la ruota era girata in senso giusto - ha concluso - Il rammarico per l'Europa invece resta: la Juve poteva andare lontano".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

La Notte del Maestro - Addio al calcio di Andrea Pirlo

La 'Notte del Maestro': parata di stelle per l'addio di Pirlo

Emozioni e grande calcio a San Siro. Tanti i big in campo: da Buffon a Seedorf, passando per Inzaghi, che firma una tripletta

Juventus vs Milan - Finale Coppa Italia TIM 2017/2018

Calcio, Allegri resta alla Juve ma per ora niente rinnovo

Vertice fra il tecnico e la dirigenza bianconera presso la sede del club alla Continassa

Inter vs Juventus 2-3

Fiocco rosa in casa Higuain, è nata la piccola Alma

La mamma è Lara Wechsler, compagna del bomber argentino

Milano, arriva OFFSide: il festival cinematografico dedicato al calcio

La prima edizione italiana dell'evento dal 25 al 27 maggio presso la Fabbrica del Vapore