Sabato 05 Novembre 2016 - 10:30

Libia, sindaco Borgo San Dalmazzo: Festa per il ritorno di Cacace

"In queste settimane abbiamo cercato di sostenere moralmente la famiglia, e nessuno di noi ha mai perso le speranze"

Libia, sindaco Borgo San Dalmazzo: Finito incubo prepariamo festa

"Una bella notizia che ci rallegra, dopo una lunga sofferenza siamo finalmente felici". Così Gian Paolo Beretta, sindaco di Borgo San Dalmazzo, la cittadina di Bruno Cacace, il tecnico della Con.i.cos. (Costruzioni internazionali contratti) di Mondovì rapito in Libia e liberato oggi, insieme ad altri due ostaggi, dopo una lunga prigionia.
"Conosco bene Bruno Cacace e la sua famiglia - prosegue il sindaco - in questi mesi siamo stati tutti in apprensione anche perché la Farnesina ha mantenuto il massimo riserbo per favorire le procedure di liberazione e dunque nessuno di noi era informato su quanto stava accadendo".
"La vicenda di Bruno Cacace - prosegue il primo cittadino - ci ha toccati da vicino, anche perché in una cittadina come la nostra, di 13mila abitanti, ci conosciamo tutti. In queste settimane abbiamo cercato di sostenere moralmente la famiglia, e nessuno di noi ha mai perso le speranze. Finalmente oggi è finito un incubo".
"Ora non ci resta che attenderlo - conclude il sindaco - e organizzare per quando tornerà, non sappiamo ancora se oggi o domani, una bella festa di bentornato".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Conferenza stampa AC Milan - Ritiro estivo per la stagione 2018/2019

Torino, 43 indagati per riciclaggio: tra loro c'è anche Gattuso

Al centro dell'indagine una società specializzata nell'allevamento di suini di cui l'allenatore del Milan era socio di minoranza

Ivrea è patrimonio mondiale dell'Unesco, è il 54esimo sito italiano

Una città che unisce un'esperienza innovativa di produzione industriale al benessere delle comunità locali

Luigi Di Maio a Torino

Olimpiadi 2026, Di Maio ricuce lo strappo: Torino si candida

Il ministro è riuscito a sedare la prima vera crisi tra Appendino e la sua maggioranza. Lunedì in consiglio comunale la presentazione del modello torinese

Consiglio Regionale del Piemonte

Olimpiadi 2026, la mossa disperata di Chiamparino per riacquistare centralità

Il governatore della Regione cerca nuovi spazi e chiede un incontro a Giorgetti. Ma per risollevare le sorti della Torino olimpica i suoi slanci a scoppio ritardato non sono sufficienti