Giovedì 03 Marzo 2016 - 14:30

Libia, ricorsi della storia: un altro Piano scampò a sparatoria

Trentacinque anni fa un altro uomo con lo stesso cognome di Fausto Piano, anche lui tecnico della Bonatti, si trovava nello stesso Paese

Violenti scontri in Libia

Corsi e ricorsi della storia: 35 anni fa, un altro uomo con lo stesso cognome di Fausto Piano - il tecnico della Bonatti ucciso negli scontri a fuoco in Libia - si trovava anche lui nello stesso Paese, in arrivo dallo stesso villaggio sardo, Capoterra: era un suo lontano parente, si chiamava Marco Piano, e si ritrovò anche lui coinvolto in una sparatoria. A cui però riuscì a scampare.

A raccontare l'incredibile storia a LaPresse è Tina Murgia, madre di Marco Piano: anche lui, come Fausto, era dipendente della Bonatti, che anche allora operava in Libia. "Dopo la sparatoria, riportarono i dipendenti qui in Sardegna - racconta la signora Murgia, contattata telefonicamente - questa volta è successo ancora, è molto triste". Marco Piano era poi rientrato in Italia. Decedette anni dopo per una malattia.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Princess of Asturias Awards 2017 in Oviedo

Catalogna, re Felipe: "È e sarà parte Spagna, secessione inaccettabile"

Un nuovo messaggio del monarca alla vigilia dell'applicazione dell'articolo 155 da parte del governo Rajoy

Afghanistan, ancora un attacco suicida nei pressi di una moschea sciita

Afghanistan, attacchi kamikaze in due moschee: 50 morti

Le diverse esplosioni sono avvenute mentre i fedeli si raccoglievano per la preghiera

Obama in supporto del candidato democratico Northon in Virginia

Usa, il ritorno di Obama in politica. E Bush gli fa eco (contro Trump)

Un passo molto atteso dai sostenitori dell'ex presidente

Corea del Nord, Kim Jong Un presenzia al lancio di un missile Hwasong-12

Nord Corea insiste sul nucleare: "È questione di vita o di morte"

Il direttore generale del dipartimento Nord America del ministero degli Esteri: "Risponderemo al fuoco con il fuoco"