Lunedì 25 Gennaio 2016 - 16:30

Libia, Parlamento di Tobruk boccia governo di unità nazionale

La formazione del nuovo governo libico di unità nazionale era stata annunciata lo scorso 19 gennaio

Libia, Parlamento di Tobruk boccia governo di unità nazionale

Il Parlamento libico di Tobruk, cioè quello internazionalmente riconosciuto, ha respinto il governo di unità nazionale proposto dal Consiglio presidenziale libico in base all'accordo mediato dalle Nazioni unite. Su 104 deputati presenti, 89 hanno votato contro. La formazione del nuovo governo libico di unità nazionale, volto a unire le fazioni in guerra del Paese nell'ambito di un piano Onu, era stata annunciata lo scorso 19 gennaio.

 

Dal 2014 in Libia ci sono due Parlamenti e rispettivi governi in concorrenza fra loro, uno con base a Tripoli e uno a Tobruk. I parlamentari dell'est riferiscono che il governo di unità nazionale proposto, composto da 32 membri, è stato bocciato perché include troppi posti e spiegano che il Consiglio presidenziale guidato dal premier designato Mohamad Fayaz al Sarraj, con sede a Tunisi, ha adesso 10 giorni per elaborare una nuova lista di ministri, che sia più corta. Il deputato Mohamed al-Abani ha detto inoltre a Reuters che la squadra proposta non rappresentava gli interessi del popolo libico, ma era stata formata "in base alle richieste dei leader delle milizie".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

A U.S. B52 plane is pictured during Exercise Eager Lion at the Jordan-Saudi Arabia border

Nord Corea, sale la tensione: Usa verso allerta bombardieri nucleari B52

I media americani: è la prima volta dai tempi della Guerra Fredda

Mosca, accoltellata una giornalista durante irruzione nella redazione di Ekho Moskvy

Russia, conduttrice accoltellata in radio: fermato l'aggressore

Tatyana Felgengauer colpita al collo, non è in pericolo di vita. Non è chiaro il movente dell'assalitore

Elezioni In Argentina

Argentina, Macri vince le legislative. A Fernandez un seggio in Senato

Nelle elezioni di midterm il presidente in carica si rafforza