Giovedì 28 Aprile 2016 - 17:15

Libia, Gentiloni: Non mandiamo militari italiani

Il ministro smentisce: Nessuna richiesta per la protezione dei pozzi petroliferi

Libia, Gentiloni: Non mandiamo militari italiani, né scavalchiamo Tripoli

La Libia è al centro dell'intervento del ministro degli Esteri Paolo Gentiloni nel question time al Senato. "Dobbiamo mettere in condizione le autorità libiche di combattere il terrorismo sul loro territorio. Faremmo un grave errore se scavalcassimo queste dinamiche con un intervento esterno. E lo farebbero anche gli altri Paesi europei". 
 

Alla Camera Gentiloni aveva precisato: "Il governo italiano non ha nessuna intenzione di inviare militari in Libia al di fuori del contesto di cui si è parlato in questi giorni e che non si è affatto realizzato". E ha aggiunto: "In ogni caso qualunque decisione sarà concordata con l'Onu. Di ogni decisione sarà ovviamente informato il Parlamento", ha sottolineato il numero uno della Farnesina. "Al governo italiano non è giunta alcuna richiesta dalla Libia per la protezione dei pozzi petroliferi", ha precisato Gentiloni a proposito delle notizie circolate di una presunta richiesta da parte del governo libico.

Sulla Siria, Gentiloni al Senato ha detto: "Nei prossimi dieci giorni ci sarà la riunione della conferenza interministeriale di sostegno alla Sira per il cessate al fuoco per ragioni umanitarie. Se il regime chiude i corridoi umanitari, si torna alla casella di partenza". E, in merito alla Siria dopo Bashar al Assad, ha sottolineato: "Per questo governo i curdi certamente vanno coinvolti e devono avere un ruolo nel processo di ricostruzione siriana".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Melendugno, protesta anti-Tap

Gasdotto Tap, inammissibile l'emendamento per arrestare chi entra nei cantieri

Lo stop in commissione Bilancio. Il M5S: "Era l'ennesimo abuso della politica che calpesta le comunità per favorire le lobby"

Vittorio Emanuele III, l'arrivo delle spoglie al santuario di Vicoforte

Vittorio Emanuele III, storia di un re indeciso: dal fascismo alle leggi razziali

Regnò sul nostro Paese per 40 anni. All'inizio fu liberale e aperto. Ma nel 1922 aprì le porte a Mussolini e, poi alla dittatura e alle sue nefandezze. Le sue spoglie a Vicoforte per motivi umanitari

Assemblea Dems

Centrosinistra, Orlando richiama a unità, ma critica nome Grasso in Leu

Il candidato premier di Liberi e Uguali a distanza promette un "programma di cambiamento"

Ginocchiata all'arbitro: il Millennial scelto da Renzi lascia la direzione Pd

Gianluca Vichi si scusa ma critica la stampa: "Accanimento eccessivo nei miei confronti"