Venerdì 08 Gennaio 2016 - 09:45

Libia, Gentiloni: Intervento? Non è palestra per esibizioni muscolari

Per il titolare della Farnesina la via da privilegiare è politica e non militare

Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni

"La Libia non è una palestra per esibizioni muscolari". Lo ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni a Radio Anch'io, su RadioUno, rispondendo ad una domanda sulla possibilità di un intervento militare per frenare l'avanzata dell'Isis, responsabile di decine di morti e di attacchi contro importanti centri petroliferi del Paese. "Qualche operazione militare potrebbe anche essere giustificata in questo momento - ha concesso Gentiloni - ma sul terreno non lascerebbero ciò che ci serve, cioè l'avvio di una stabilizzazione della Libia", cosa che per il ministro va ottenuta anzitutto tramite l'accordo di unità nazionale. Un intervento militare, secondo il responsabile della Farnesina, porterebbe "forse qualche confusione in più". Per Gentiloni, "nelle prossime settimane c'è solo un piano nella nostra agenda", quello politico. "Poi, naturalmente", ha proseguito il ministro, "se questa dinamica diplomatica - che come altre dinamiche, dalla Siria, alla Libia, allo Yemen, sono tutte molto fragili - non riuscisse a consolidarsi nei prossimi mesi, ci sarebbero altri modi per fare delle azioni di contenimento: ma deve essere molto chiaro che sono due scenari diversi".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

È il giorno del referendum in Lombardia e Veneto: 12 milioni chiamati a votare

Dai risultati dipenderà il potere contrattuale dei due presidenti di Regione nell'eventuale trattativa con il governo per ottenere la gestione a livello regionale di materie oggi di competenza centrale

Bankitalia, Renzi mattatore a Firenze: "Esprimere giudizio non è lesa maestà"

Bankitalia, Renzi mattatore a Firenze: "Esprimere giudizio non è lesa maestà"

Il segretario Pd alla festa del quotidiano 'Il Foglio': "Non possiamo arrivare al paradosso che qualcuno è intoccabile, inviolabile, ingiudicabile"

Senato, Paolo Gentiloni riferisce sul prossimo consiglio europeo del 19 e 20 Ottobre

Legge elettorale, 179 proposte di modifica e 160mila firme per cambiarla

La legge elettorale arriverà in aula martedì 24 ottobre

Il Presidente Gentiloni al Consiglio Europeo di Bruxelles

Bankitalia, Gentiloni: "Il governo deve agire nell'interesse del Paese"

Il presidente del Consiglio si dice tranquillo relativamente a "strani incroci populisti" che si possano creare in parlamento sulla vicenda