Venerdì 08 Gennaio 2016 - 09:45

Libia, Gentiloni: Intervento? Non è palestra per esibizioni muscolari

Per il titolare della Farnesina la via da privilegiare è politica e non militare

Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni

"La Libia non è una palestra per esibizioni muscolari". Lo ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni a Radio Anch'io, su RadioUno, rispondendo ad una domanda sulla possibilità di un intervento militare per frenare l'avanzata dell'Isis, responsabile di decine di morti e di attacchi contro importanti centri petroliferi del Paese. "Qualche operazione militare potrebbe anche essere giustificata in questo momento - ha concesso Gentiloni - ma sul terreno non lascerebbero ciò che ci serve, cioè l'avvio di una stabilizzazione della Libia", cosa che per il ministro va ottenuta anzitutto tramite l'accordo di unità nazionale. Un intervento militare, secondo il responsabile della Farnesina, porterebbe "forse qualche confusione in più". Per Gentiloni, "nelle prossime settimane c'è solo un piano nella nostra agenda", quello politico. "Poi, naturalmente", ha proseguito il ministro, "se questa dinamica diplomatica - che come altre dinamiche, dalla Siria, alla Libia, allo Yemen, sono tutte molto fragili - non riuscisse a consolidarsi nei prossimi mesi, ci sarebbero altri modi per fare delle azioni di contenimento: ma deve essere molto chiaro che sono due scenari diversi".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Crollo Genova, i vigili del fuoco proseguono ispezione area ponte

Genova, Mit e Autostrade nel mirino. Pressing per dimissioni Ferrazza

Bufera sull'architetto alla guida della commissione d'inchiesta del ministero

Genova, crollo Ponte Morandi: le case evacuate della zona rossa sotto al ponte

Genova, M5S: "Forza Italia e Pd hanno favorito i concessionari autostradali"

Per i pentastellati "sono stati proprio i governi di centrodestra e centrosinistra a costruire un sistema insano"

Genova, il giorno dopo il crollo del ponte

Genova, Governo all'opera: studia 'piano Giorgetti' e dialoga con Fi

La proposta del sottosegretario alla presidenza del Consiglio: "Non riguarderà solo autostrade e ponti ma anche le scuole. Sarà un'operazione di manutenzione senza precedenti"

Genova, crollo Ponte Morandi: Matteo Salvini sul luogo del disastro

Autostrade, l'ipotesi nazionalizzazione agita il governo e la Lega

Fa discutere anche il voto del Carroccio, nel 2008, a favore della conversione del decreto 'Salva Benetton'