Martedì 05 Gennaio 2016 - 12:30

Libia, Gentiloni e premier al Sarraj: Pressione Isis allarmante

Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni

La "rinnovata e allarmante pressione di Daesh in Libia" è stata al centro di un colloquio telefonico che si è tenuto ieri in tarda serata tra il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni e il premier designato della Libia Fayez al Sarraj. Lo rende la Farnesina. Sarraj "ha rappresentato al Governo italiano la sua forte preoccupazione per l'intensificarsi degli scontri e per l'avanzata verso est di unità terroristiche basate a Sirte - informa la Farnesina -. Gentiloni ha ribadito l'impegno dell'Italia contro il terrorismo e il pieno sostegno agli sforzi di stabilizzazione da parte del Consiglio presidenziale e del futuro Governo di accordo nazionale".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Assemblea nazionale "C'è una nuova proposta"

Grasso: "Comandato da D'Alema? Sarò io a guidare Liberi e Uguali"

Il presidente del Senato risponde a Matteo Renzi che lo ha paragonato a Fini

PD - Sit in del Partito democratico sotto la sede dell?Agcom

Fatturazione ogni 4 settimane: stop per legge, ma le Telco vanno avanti

AgCom e Parlamento sono intervenuti, ma le compagnie telefoniche continuano a proporli. Per i consumatori un danno da un miliardo all'anno

Manifestazione contro lo Ius Soli

Sit-in di Salvini contro lo Ius soli: "Cittadinanza a fine percorso, no regalo elettorale". Protestano i migranti

Il comizio a Santi Apostoli tra i sostenitori e le associazioni contro il leader del Carroccio

Matteo Renzi ospite di Porta a Porta

Renzi: "Non faremo un governo con Berlusconi. Grasso e Boldrini sulle orme di Fini"

Il segretario dem all'attacco: "La contesa per il primo partito è tra noi e M5S". E sui presidenti delle Camere: "Ogni voto a Liberi e uguali è regalato alla destra"