Martedì 05 Gennaio 2016 - 12:30

Libia, Gentiloni e premier al Sarraj: Pressione Isis allarmante

Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni

La "rinnovata e allarmante pressione di Daesh in Libia" è stata al centro di un colloquio telefonico che si è tenuto ieri in tarda serata tra il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni e il premier designato della Libia Fayez al Sarraj. Lo rende la Farnesina. Sarraj "ha rappresentato al Governo italiano la sua forte preoccupazione per l'intensificarsi degli scontri e per l'avanzata verso est di unità terroristiche basate a Sirte - informa la Farnesina -. Gentiloni ha ribadito l'impegno dell'Italia contro il terrorismo e il pieno sostegno agli sforzi di stabilizzazione da parte del Consiglio presidenziale e del futuro Governo di accordo nazionale".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Migranti, Matteo Salvini a Tripoli

Migranti, Italia e Libia d'accordo: "Gli hotspot ai confini sud libici"

L'incontro tra Salvini e il vicepremier di Tripoli, Maitig. Entrambi contrari a organizzarli in territorio italiano o libico

Sede del Partito Democratico - Conferenza stampa di Maurizio Martina e Matteo Ricci

Comunali, è festa gialloverde. Martina: "Ricostruire Pd con umiltà"

Le reazioni della politica dopo gli esiti dei ballottaggi

Parlamentari all'esterno della sede dei Gruppi

FI, Toti sfida Berlusconi: "Pronto a metterci cuore e faccia"

Il governatore della Liguria annuncia un "nuovo metodo"