Martedì 19 Gennaio 2016 - 13:30

Libia, formato governo di unità nazionale ma serve ok Parlamento

Solo sette dei nove membri del Consiglio hanno firmato il documento per il nuovo governo, formato da un totale di 32 ministri

L'inviato speciale dell'Onu per la Libia, Martin Kobler

 La formazione di un nuovo governo libico di unità nazionale, volto a unire le fazioni in guerra del Paese nell'ambito di un piano Onu, è stata annunciata questa mattina. L'inviato speciale dell'Onu per la Libia, Martin Kobler, si è congratulato su Twitter con "il popolo libico e il Consiglio presidenziale per la formazione del governo di unità nazionale".  Il Consiglio di presidenza riuniti a Tunisi aveva respinto il termine di nominare il governo in 48 ore, dopo le notizie di controversie sulla distribuzione degli incarichi ministeriali. Solo sette dei nove membri del Consiglio hanno firmato il documento per il nuovo governo, formato da un totale di 32 ministri, nel quadro dell'accordo promosso dalle Nazioni Unite.

"Dopo una notte di trattative" è arrivato il varo del nuovo governo libico da parte del consiglio presidenziale libico. Così il ministro degli esteri Paolo Gentiloni in un tweet ha annunciato la nascita dell'esecutivo libico. "Un passo avanti in una situazione ancora fragile", ha commentato aggiungendo. "Ora serve ok parlamento".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Washington: Macron al Congresso Usa

Macron a Congresso Usa: "Sì multilateralismo, mai armi nucleari a Iran"

Il presidente ha rimarcato l'amicizia franco-americana, gli "ideali e valori comuni", ringraziando Trump per il "forte simbolo" dell'invito alla Francia nella "prima visita di Stato"

Vincent Bolloré fermato e interrogato per tangenti in Africa

Francia, Bolloré davanti ai giudici: accusato di corruzione

Il miliardario, primo azionista di Vivendi, avrebbe pagato delle tangenti per concessioni portuali in Africa

Alfie Evans court case

Alfie, bocciato nuovo ricorso dei genitori: no al trasferimento in Italia

La Corte d'appello di Londra non cambia idea: il bimbo, affetto da una malattia neurodegenerativa incurabile non può lasciare il Regno Unito