Martedì 12 Gennaio 2016 - 10:15

Libia, dopo attentato 15 feriti gravi in Italia per cure

I feriti sono stati portati al policlinico militare Celio

Libia, attacco a campo addestramento polizia a Zliten

A seguito dell'attacco terroristico verificatosi lo scorso 7 gennaio contro il centro addestrativo della polizia costiera libica nella città di Zliten, il Consiglio di presidenza libico ha chiesto aiuto al Governo Italiano per le cure dei feriti gravi. È stato così deciso l'intervento umanitario italiano che è consistito nel trasporto di 15 libici da Misurata a Roma per il ricovero presso il policlinico militare Celio. Successivamente i feriti potranno essere assegnati ad altre strutture sanitarie specializzate in Italia. Lo comunica Palazzo Chigi.
 

Un velivolo C 130, partito all'alba dall'aeroporto di Pratica di Mare è atterrato presso l'aeroporto di Misurata dove il personale sanitario militare italiano ha provveduto all'imbarco dei feriti a bordo del velivolo che è ripartito per l'Italia. L'intervento di emergenza si è svolto con tutte le predisposizioni necessarie ad assicurare l'incolumità del personale impiegato e sotto il coordinamento della presidenza del Consiglio. Ad esso hanno contribuito i ministeri degli Affari Esteri, della Difesa, dell'Interno e della Salute e le competenti autorità libiche.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Maria Elena Boschi alla festa del PD a Botticino

Boschi non invitata a Festa Unità Firenze: "È iscritta a Bolzano"

L'organizzazione: "Abbiamo dato precedenza agli eletti nei collegi fiorentini"

Ponte Morandi, il gigante che sovrasta le case di Genova

Genova, governo: "Avviato iter su decadenza concessione ad Autostrade"

Prima l'annuncio del ministro delle Infrastrutture su Facebook, poi la conferma del premier Conte

Genova, crollo Ponte Morandi: continuano le ricerche dei dispersi e la messa in sicurezza

Genova, Renzi contro Di Maio: "Autostrade finanziava Lega e Conte era legale Aiscat"

Il senatore Pd rimanda al mittente le accuse di aver ricevuto soldi dai Benetton per le campagne elettorali