Giovedì 18 Agosto 2016 - 15:00

Arrestato in Libia Abu Nassim reclutatore dei jihadisti in Italia

Il terrorista assoldava adepti per Al Qaeda a Milano, poi si è unito al Califfato

Libia, arrestato Abu Nassim reclutatore dei jihadisti in Italia

E' stato catturato in Libia Moez Ben Abdulgader Ben Ahmed Al Fezzani, ex reclutatore di Al Quaeda a Milano oggi membro di spicco dell'Isis in Libia. A dare la notizia è il quotidiano 'Libya Herald', che racconta che Al Fezzani è stato fermato alcuni giorni fa insieme ad altri 20 sostenitori del Califfato tra le città di Rigdaleen e Al-Jmai, nella Libia occidentale. Il terrorista aveva lasciato Sirte e stava cercando di andare in Tunisia. Fezzani, noto anche come Abu Nassim, è balzato in cima alla lista dei terroristi più ricercati della Tunisia lo scorso febbraio. E' ritenuto responsabile del tentativo dell'Isis, lo scorso marzo, di prendere il controllo della città meridionale tunisina di Ben Guerdane, in cui sono morte 58 persone, 45 militanti e 13 membri delle forze di sicurezza. Nato a Tunisi nel 1969, Fezzani sarebbe entrato a far parte del gruppo islamista  Ansar al-Sharia. Poi si è spostato in Libia dove mi è stato messo a capo del centro di ricezione Isis a Sabratha. Dopo i bombardamenti statunitesi dello lo scorso febbraio si è diretto prima a Bengasi e poi a Sirte, dove è rimasto fino a pochi giorni fa.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

US-POLITICS-ECONOMY-IMF-WORLDBANK-SPRING-MEETINGS

La Francia avverte l'Italia: "Se non rispetta impegni a rischio stabilità dell'eurozona"

Il ministro dell'Economia Bruno Le Maire lancia l'allarme e ricorda: "In Europa ci sono regole da rispettare"

VENEZUELA-ELECTION-PREPARATIONS

Venezuela stremato al voto per le presidenziali: Maduro verso la rielezione

Urne aperte fino alle 18 (mezzanotte in Italia). Schierati circa 300mila militari e poliziotti

Matteo Salvini in via a Sant’Albino a Monza, da Sergio Bramini

Bramini non si arrende: "Politica ascolti la rabbia, sarò consulente del governo"

L'imprenditore monzese ha dovuto dichiarare fallimento nonostante un credito nei confronti della pubblica amministrazione di diversi milioni di euro. Ma adesso è pronto a lottare e ripartire