Mercoledì 03 Febbraio 2016 - 19:45

Libia, a Sirte sempre più comandanti Isis

Lo riferisce la Bbc citando fonti di intelligence

Libia, a Sirte sempre più comandanti Isis

Diversi comandanti dello Stato islamico si sono trasferiti in Libia, soprattutto a Sirte, dall'Iraq e dalla Siria negli ultimi mesi per scappare ai raid della coalizione internazionale a guida Usa contro il gruppo jihadista. Lo riporta la Bbc citando un funzionario dell'intelligence di Misurata, Ismail Shukri. "La maggior parte di loro, circa il 70%, sono foreign fighters, combattenti stranieri - ha dichiarato Shukri -, molti arrivano dalla Tunisia, dall'Egitto, dal Sudan e dall'Algeria". Lo Stato islamico aveva preso il controllo della città di Sirte già lo scorso anno. Sirte era la città natale dell'ex dittatore libico Muammar Gheddafi e per questo si crede che i militanti abbiano ricevuto il sostegno di alcuni fedelissimi del passato regime. Ma Shukri ha precisato che molti combattenti stranieri dell'Isis siano arrivati in questi ultimi mesi. "Alcuni militanti, in particolare quelli che rivestono una grande importanza nell'Isis, hanno raggiunto la Libia per trovare un rifugio sicuro", ha spiegato.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

PinkNews awards dinner

Brexit, May spinge su diritti cittadini Ue. E promette: "Resterete in Gb"

In post su Fb la premier britannica rassicura i comunitari regolarmente residenti nel Regno Unito

Barcellona, manifestazione contro l'indipendenza catalana

Sabato il governo di Madrid si riunirà per sospendere l'autonomia della Catalogna

Scaduto l'ultimatum. Puigdemont non risponde con chiarezza e rilancia: "Indipendenza se verrà attivato l'articolo 155"

Catalogna, cos'è e cosa prevede l'articolo 155 della Costituzione

Tutto quello che c'è da sapere sull''arma' del governo di Madrid

Brexit, May scrive una lettera ai cittadini Ue: "Potrete restare nel Regno Unito"

Brexit, May scrive una lettera ai cittadini Ue: "Potrete restare nel Regno Unito"

Accordo in vista per garantire i diritti di circa 3 milioni di stranieri che vivono nel Paese: "Vogliamo che rimangano"