Mercoledì 20 Aprile 2016 - 08:30

Libertà stampa, Rsf: Italia perde 4 posizioni in classifica 2016

La Ong afferma che è in Vaticano "il sistema giudiziario che attacca i media" in relazione agli scandali Vatileaks

Emiliano Fittipaldi, Gianluigi Nuzzi

L'Italia perde tre posizioni nella classifica di Reporters sans frontières (Rsf) sulla libertà di stampa, scivolando dal 73esimo posto del 2015 al 77esimo di quest'anno. Nel motivare questa posizione nel ranking annuale, la ong con sede a Parigi fa riferimento al fatto che "a maggio 2015 il quotidiano La Repubblica ha riportato che fra 30 e 50 giornalisti sono sotto protezione di polizia perché sono stati minacciati" e afferma che in Vaticano "è il sistema giudiziario che attacca i media" in relazione agli scandali Vatileaks.

"Il livello di violenza contro i giornalisti (comprese intimidazioni verbali e fisiche, e minacce di morte) è allarmante", afferma Rsf. Le prime cinque posizioni sono occupate da Finlandia (che resta in testa), Olanda (che guadagna due posizioni rispetto al 2015), Norvegia (che perde una posizione), Danimarca (che perde una posizione) e Nuova Zelanda (che guadagna un posto).
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Blitz allevatori all'Antitrust per la 'Guerra del latte'

Antitrust, al via al 13mo convegno: tra gli sponsor anche Intesa San Paolo

I lavori saranno aperti il prossimo 24 maggio dal Johannes Laitenberger, direttore generale della concorrenza della Commissione europea e dal presidenye Agcom Giovanni Pitruzzella

Bari, turista americana trovata morta in un b&b con lividi sul collo

Fermo, lite culmina in tragedia: pensionato uccide la moglie con un fucile

Le ha sparato tre colpi al petto, durante un litigio in camera da letto

Francavilla, uomo lancia figlia della convivente dal viadotto della A14 e si suicida

La tragedia del cavalcavia. "Filippone non aveva problemi psichici"

Chieti: tre le vittime della follia dell'uomo: la moglie, la figlia e lui stesso. Molti aspetti ancora da chiarire

Presentazione del progetto " Stradeinfesta "

Roma si mobilita per la Casa delle donne. Raggi: "Non la chiuderemo"

A rischio la storica sede di associazioni dei movimenti femministi in via della Lungara. La consigliera M5S Guerini intenderebbe trasformarla in un centro di coordinamento gestito da Roma Capitale