Lunedì 24 Aprile 2017 - 10:45

Liberato Del Grande: Io vittima di violenza istituzionale

Il documentarista atterrato a Bologna: Saluto i giornalisti in carcere

L'arrivo di Gabriele Del Grande all'Aeroporto Marconi di Bologna

Gabriele Del Grande è libero ed è atterrato in Italia, a Bologna.  "Sto bene, la più grande difficoltà è stata la mancanza della libertà. Considero illegale cosa mi è successo, ma non mi hanno torto un capello. Ci tengo a ringraziare la stampa, le istituzioni, gli ambasciatori, gli avvocati turchi che hanno preso in carico il mio caso" Queste le prime parole del documentarista italiano fermato in Turchia e oggi rilasciato, al suo atterraggio all'aeroporto di Bologna. "Oggi sono a casa sono libero, mando un pensiero caro a tutti i detenuti e a tutti i giornalisti ancora in carcere anche in condizioni peggiori, in Turchia e altri paesi" ha aggiunto. "Il mio è un caso risolto, ma altri sono ancora in corso, non so perché son stato fermato, gli avvocati proveranno a capirlo ma non ho subito nessun tipo di violenza, questo ci tengo a dirlo. Ho saputo stanotte della mia liberazione" ha concluso.

Loading the player...

"Non ho capito se a fermarmi fossero poliziotti o militari perché erano agenti in borghese" ha precisato Gabriele.
 

Proprio sul social aveva annunciato la sua liberazione il ministro degli Esteri, Angelino Alfano, spiegando che il giornalista italiano detenuto in Turchia sta tornando in Italia. "Gli ho parlato adesso - scriveva Alfano - Ho avuto la gioia di avvisare i suoi familiari. Lo aspettiamo". Come dichiarava il ministro, "questa notte il collega ministro degli Esteri, Mevlut Cavusoglu mi ha comunicato la decisione. Lo ringrazio".  Il regista e blogger lucchese era in stato di fermo dal 9 aprile scorso nel centro di detenzione amministrativa di Mugla. Da giorni era in sciopero della fame. 

"Credo sia tutto bene quello che finisce bene, sono davvero soddisfatto del lavoro che è stato fatto da tutti e del fatto che torni ad essere un uomo libero. Credo che cominci davvero bene questa giornata" aveva sottolineato Alfano a Rai News 24. Contenta anche la legale della famiglia: "Siamo felicissimi. Lo aspettiamo. La notizia è stata improvvisa e ci rende felicissimi. Non vediamo l'ora di riabbracciarlo" aveva detto questa mattina, al telefono, Alessandra Ballerini. "Dovrebbe essere già in viaggio - aveva aggiunto e dopo che sarà arrivato faremo tutte le valutazioni".

IL PADRE: GRANDE GIORNO.   "Stiamo andando a prenderlo, è un gran giorno". Così il papà di Gabriele, Massimo, parlando a Rainews 24 e commentando la liberazione del figlio, giornalista italiano detenuto in Turchia dal 9 aprile. "Mi ha chiamato il ministro Alfano - aveva aggiunto Massimo Del Grande - Ci hanno detto che sta bene". "Ci hanno detto che sta bene, l'emozione è talmente forte, l'importante ora è che arrivi qua e tutto il resto si sistema. Penso che lo abbraccerò forte, non appena lo vedrò", aveva aggiunto il papà del giornalista e regista.

GENTILONI: GRANDE SODDISFAZIONE.  Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni aveva parlato questa mattina con il padre di Gabriele al quale ha espresso la sua grande soddisfazione per l'imminente arrivo in Italia del giornalista e blogger; frutto - sottolineava Gentiloni  - dell'impegno svolto con discrezione e determinazione dalla nostra diplomazia. Il padre di Del Grande ha ringraziato, e aveva detto: "Oggi è una bellissima giornata".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

L'automobile della Guardia di Finanza parcheggiata

Palermo, rete di Caf favoriva l'immigrazione clandestina: 9 arresti

Inoltravano istanze per il rinnovo o l'ottenimento del permesso di soggiorno sulla base di documentazione fiscale e assunzioni fittizie

Cernusco sul Naviglio, il luogo del lancio del sasso sulla statale

Piacenza, barista aggredita e violentata: 34enne arrestato a Milano

L'aggressore, non ancora identificato, ha sorpreso la donna mentre stava chiudendo il bar

Campobasso, ministro Savona indagato per usura bancaria

Sono coinvolte in tutto 23 persone, manager e noti banchieri che tra il 2005 e il 2013 hanno ricoperto ruoli chiave in Unicredit