Martedì 17 Gennaio 2017 - 23:00

Lettera Ue a Italia: correzione conti pubblici dello 0,2% del Pil

Opposizioni all'attacco: "Padoan chiarisca"

Lettera dell'Ue all'Italia: chiesta correzione sui conti pubblici dello 0,2% del Pil

La richiesta dell'Ue all'Italia sui conti pubblici alla fine è arrivata e la proposta di Bruxelles è, come si temeva, salata. "Da novembre dello scorso anno la Commissione europea ritiene che il bilancio dell'Italia per il 2017 possa farci deviare dal percorso pluriennale di riduzione del rapporto debito/Pil - fa sapere il ministero dell'Economia - e ci ha trasmesso una richiesta di intervento per assicurare la conformità del nostro bilancio. Lo scostamento che secondo la Commissione andrebbe corretto è stimato in due decimi di punto di Pil". "Siamo in contatto con la Commissione - spiega il Mef - e nei prossimi giorni faremo le valutazioni del caso. Se, come e quando intervenire verrà deciso dal Governo nei prossimi giorni". Il limite temporale è comunque il primo febbraio: "Vorremmo ricevere, prima dell'1 febbraio, una risposta pubblica che includa una serie di impegni specifici sufficientemente dettagliati e un calendario chiaro per la loro rapida adozione", scrivono nella lettera inviata a Padoan Vladis Dombrovskis e Pierre Moscovici .

Le opposizioni sono subito partite all'attacco chiedendo chiarimenti al governo. Il gruppo di Forza Italia alla Camera ha presentato, a firma Renato Brunetta e Alberto Giorgetti, una richiesta di chiarimenti al ministro dell'Economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan, in merito al rischio di manovra correttiva per mettere in ordine i conti pubblici italiani. Brunetta e Giorgetti esprimono "grande preoccupazione" per la notizia diffusa secondo la quale la Commissione europea avrebbe comunicato all'esecutivo che servono circa 3,4 miliardi di euro, ovvero una manovra bis che vale lo 0,2 per cento del Pil, per evitare una procedura di infrazione sul deficit. "La lettera della Commissione europea con la richiesta di aggiustamento dei conti pubblici italiani - accusa il capogruppo dei deputati di Sinistra Italiana Arturo Scotto - è la conferma di quanto abbiamo detto in questi mesi: il Governo Renzi ha giocato a nascondino con i conti pubblici utilizzando i margini di flessibilità per mance elettorali. La manovra aggiuntiva chiesta dall'Unione europea è un brutto segnale per il Paese. Chi ha responsabilità se le assuma tutte. Il ministro Padoan venga in Aula per informare il Parlamento e il Paese".

Scritto da 
  • Silvia Caprioglio
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Camera dei Deputati - Interpellanze urgenti

Ilva, Di Maio: "Procedura di gara un pasticcio. Avvierò un'indagine e chi ha sbagliato ne risponderà"

Calenda replica: "Responsabilità è mia, non ho bisogno di inventare 'manine'. Annulla la gara se la ritieni viziata"

Accordo di libero scambio Ue-Giappone. Tusk: "Messaggio contro protezionismo"

La storica intesa permetterà all'85% dei prodotti agroalimentari europei di entrare nel Paese senza dazi doganali

Camp Jeep 2018: alla scoperta della nuova Wrangler

Fca, a giugno immatricolate 104.100 auto in Europa: Jeep +72,1%

Ottimi risultati anche per l'Alfa Romeo con i suoi modelli di punta Stelvio e Giulia

CHINA-EU-SUMMIT-DIPLOMACY

Dazi, summit Ue-Cina a Pechino: "Evitare conflitti, Wto da riformare"

Il governo cinese, intanto, ricorre all'Organizzazione mondiale del commercio contro la minaccia di tariffe pari a 200 miliardi avanzata dagli Stati Uniti