Domenica 26 Novembre 2017 - 13:30

Ultimo giorno della Leopolda, Renzi: "Bonus 80 euro anche alle famiglie con figli"

Il segretario del Partito Democratico chiude la kermesse fiorentina

Firenze, Leopolda 2017

"Quelli che vogliono starci hanno da noi una certezza: in una coalizione avranno pari dignità". Il passaggio è fugace, perché l'obiettivo è lasciare ad altri ("a chi è molto più bravo di me") la partita delle alleanze per concentrarsi sui temi concreti che hanno fatto scaletta alla Leopolda, ma il messaggio è di peso e ben indirizzato. Risponde a una richiesta arrivata proprio al 'pontiere' Piero Fassino dalla delegazione di Campo progressista nell'incontro di giovedì scorso. Destinatario specifico era il segretario: "Deve cambiare atteggiamento, toni: non siamo gente passata 'per caso' a fare la sinistra", era stato detto. Il leader dem risponde: "Non siamo abituati a immaginare una coalizione con diversi gradi di dignità. Chi ci vuole stare è benvenuto, chi non ci vuole stare avrà il nostro rispetto, non avrà il nostro rancore". La campagna elettorale, insomma, è iniziata.

Renzi, però, davanti al suo popolo che lo acclama con gli stessi decibel di sempre per l'ottavo anno consecutivo, non vuole sfuggire a quanto accaduto. "Per essere intellettualmente onesti dobbiamo partire da ciò che ci ha bruciato: dal referendum del 4 dicembre. È l'ultima volta che ci giriamo a guardare indietro, ma penso sia giusto farlo da qui. Il referendum è stato una sconfitta", esordisce. Il segretario si concede poi un insolito indugio sul fallimento. Non uno sconfinare nell'elogio della sconfitta caro a una certa sinistra, da lui sempre rifuggito. Ma una riflessione che serve a voltare pagina, una volta per tutte: "Non starò qui a dirvi che il fallimento è divertente, ma ho capito che una certa dose di fallimento è inevitabile - ammette - È impossibile vivere senza fallire almeno un po'. Almeno che voi non viviate senza rischiare e allora avrete fallito in partenza". È uno stop che serve a ripartire: "Dopo tutto quello che ci hanno fatto, dopo tutto quello che hanno cercato di costruire - dice rianimando la platea - noi siamo ancora qui, più forti di prima e con ancora la voglia di lottare".

Gli avversari sono chiari: "Ci sarà un testa a testa tra Di Maio e Berlusconi, vero - dice - ma per capire chi guiderà il gruppo che arriverà secondo alle elezioni. Tutti i sondaggi danno il Pd primo gruppo". Il tentativo del leader è, da un lato, quello di non finire schiacciato da una sfida a due che non lo veda tra i protagonisti e, dall'altro, quello di marcare le differenze: "Noi abbiamo aumentato i posti di lavoro, Berlusconi lo spread e Di Maio i followers, noi siamo per la crescita, con il centrodestra c'è stata la recessione e M5s immagina la decrescita". Le differenze, poi, le farà il programma: la prima proposta "sarà il servizio civile universale obbligatorio", poi verranno bonus e diritti "che continuiamo a difendere". La "priorità" è il lavoro: "Il salario è importante. Non è un problema del passato, Gli 80 euro? - insiste - Io dico che vanno estesi, non cancellati. Vanno estesi innanzitutto alle famiglie che hanno figli".
 

Scritto da 
  • Della nostra inviata Nadia Pietrafitta
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Palermo, strage di via D'Amelio in cui perse la vita il giudice Borsellino

Mafia, 26 anni fa la strage in via D'Amelio. Mattarella: "Non smettere di cercare la verità"

Il capo dello Stato: "Borsellino, insieme a Falcone, è diventato il simbolo dell'Italia che non si arrende alla criminalità organizzata"

Montecitorio, fiaccolata in memoria di Giulio Regeni a due anni dalla sua morte

Regeni, Salvini vola da Al-Sisi: "Giustizia rapida per Giulio"

Il ministro dell'Interno in Egitto: "Il presidente ha assicurato che sarà fatta chiarezza"

Migranti, altri morti e scontro Open Arms-Salvini. Mattarella invoca 'accoglienza'

Una imbarcazione è affondata al largo del nord di Cipro e il bilancio è di almeno 19 morti. Un'altra nave con migranti a bordo bloccata di fronte alla Tunisia

Commissione Vigilanza Rai. Eletto il Presidente Alberto Barachini

Rai, Alberto Barachini: chi è il nuovo presidente della vigilanza

Giornalista, dal 1999 è cresciuto nella squadra Mediaset. Alle ultime elezioni politiche, Silvio Berlusconi lo ha voluto nella squadra dei candidati azzurri