Venerdì 01 Aprile 2016 - 17:15

Leicester, Ranieri: Nessuna pressione, tutto nelle nostre mani

Claudio Ranieri però non vuol sentir parlare di pressioni. "C'era all'inizio quando dovevamo salvarci, ora ci stiamo divertendo - ha rivelato il tecnico italiano

Claudio Ranieri, tecnico del Leicester

A sette partite dalla fine e con cinque punti di vantaggio in campionato sulla second,a il Leicester si appresta a vivere questo finale di stagione da protagonista, con l'ambizione di conquistare la prima Premier League della sua storia. Claudio Ranieri però non vuol sentir parlare di pressioni. "C'era all'inizio quando dovevamo salvarci, ora ci stiamo divertendo - ha rivelato il tecnico italiano in conferenza stampa alla vigilia della sfida con il Southampton - E' tutto nelle nostre mani, vogliamo continuare. Sappiamo di essere in alto, ma dobbiamo concentrarci senza pensare alle altre squadre. Dobbiamo pensare solo alla prossima partita". Sulle voci di mercato che coinvolgono tanti suoi giocatori, da ultimo il francese Kanté, l'ex allenatore di Roma e Juventus ha rivelato che "sta lavorando molto bene, ma se arrivasse un'offerta sostanziosa valuteremo - ha concluso - Non voglio persone tristi qui, le voglio felici. E lui lo è, è sempre sorridente".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Siviglia vs Barcellona - Finale Coppa del Re

Barcellona: Messi sarà il nuovo capitano. Iniesta verso la Cina

Il centrocampista spagnolo vicino all'addio, l'asso argentino prenderà il suo posto

Siviglia vs Barcellona - Finale Coppa del Re

Barcellona, lacrime e ovazione per Iniesta: Andres potrebbe lasciare

In settimana un annuncio sul suo futuro. Sullo sfondo, un'offerta dalla Cina

Real Madrid vs Athletico Bilbao - La Liga spagnola

Fisco, Ronaldo accusa la giudice: "Messi trattato meglio di me"

Scontro nell'ambito del processo che lo vede imputato per frode fiscale

ENG, Testspiel, England vs Italien

Inghilterra, un altro anno senza Var. Britannici poco convinti

E' stato provato in Coppa di Lega, ma arbitro, pubblico e giocatori non sono convinti