Giovedì 11 Maggio 2017 - 21:15

Legge elettorale, presentato in commissione l'Italicum bis

Estesa al Senato soglia del 40% per avere il premio. Ma si profila il rischio di due maggioranze diverse alle Camere

Legge elettorale, presentato il testo base in commissione: è l'Italicum bis

 Arriva l' Italicum bis come testo base in Commissionje. Andrea Mazziotti sceglie infatti il proporzionale presentando in commissione Affari Costituzionali un testo base che trasferisce l'Italicum corretto dalla Consulta per la Camera al Senato.  L'introduzione del premio di maggioranza al Senato, per la lista che ottenga almeno il 40%; 50 collegi al Senato, plurinominali con delega al governo, e in caso di mancata approvazione costituiti mediante accorpamento dei collegi Italicum attuali, come da tabella allegata; soglie di sbarramento uniformi al 3% sia alla camera che al Senato, su base regionale.

 Il testo base prevede inoltre un sistema di liste identico a quello dell'Italicum anche al Senato, con capilista bloccati e preferenze,  l'estensione della disciplina dell'equilibrio di genere prevista dall'Italicum anche al Senato;  la sostituzione del criterio del sorteggio in caso di elezione in più collegi, con la regola per la quale il candidato risulta eletto nel collegio in cui la lista ha ottenuto la percentuale più bassa. Infine modifica la disciplina delle raccolta delle firme, che come attualmente strutturato, costituisce una assurda barriera di accesso alla partecipazione dei cittadini alla vita politica e democratica senza confronti negli altri sistemi; le modifiche riguardano tre aspetti: l'introduzione della possibilità di sottoscrizione digitale;  la riduzione del numero di firme esageratamente elevato previsto dall'Italicum; la modifica del regime delle autentiche.

ECCO I RISCHI DELL'ITALICUM BIS Due maggioranza diverse tra Camera e Senato. Sono i rischi del nuovo testo emersi dalla lettura del testo base sulla legge elettorale presentato da Mazziotti in commissione Affari costituzionali della Camera. Nell'estendere al Senato la soglia del 40% per ottenere il premio di maggioranza, non viene infatti specificato che la singola lista o partito per poter ottenere il premio di maggioranza debba raggiungere il 40% contemporaneamente sia alla Camera che al Senato. In questo modo ci potrebbero essere due liste o partiti diversi nei due rami del Parlamento a raggiungere il premio.
 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Il "cavallo morente" simbolo della Rai in Viale Mazzini

Nomine Rai, Salini in pole per diventare ad. Più vicina intesa M5S-Lega

L'ex direttore di La7 è il più quotato per la nomina. A discuterne, per i Cinquestelle Spadafora con la supervisione di Davide Casaleggio. Per il Carroccio c'è Giorgetti

Matteo Renzi ospite a Porta a Porta

Pd, Renzi 'indisponibile' a confronto con Di Maio. Gentiloni e Zingaretti attesi a Ravenna

La festa dell'Unità si terrà in Emilia dal 24 agosto al 10 settembre. È già polemica sull'invito al vicepremier pentastellato

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio