Martedì 20 Settembre 2016 - 14:45

Legge elettorale, M5S: Via l'Italicum, sì al proporzionale

I deputati grillini presentano una mozione alla Camera, la maggioranza verso una proposta unitaria

Legge elettorale, M5S: Via l'Italicum, sì al proporzionale con preferenze

La legge elettorale deve essere "anzitutto rappresentativa dei cittadini e che dunque si debba preferire una formula proporzionale senza alcun premio di maggioranza" pertanto è necessario "approvare in tempi rapidi una nuova legge elettorale con formula proporzionale in circoscrizioni medio-piccole e modalità di espressione della preferenza da parte degli elettori". Questa la proposta nella mozione di modifica dell'Italicum presentata alla Camera dal Movimento 5 Stelle e a firma dei deputati Dieni, Cecconi, Cozzolino, Dadone, D'Ambrosio, Nuti e Toninelli. Un sistema elettorale con formula proporzionale da applicarsi in circoscrizioni medio-piccole, spiegano i pentastellati, "oltre a garantire rappresentatività e vicinanza agli elettori favorisce l'aggregazione fra le forze politiche piccole e medio-piccole, spingendole a mettere insieme le loro idee, se conciliabili, dentro forze politiche più grandi ma coese e favorisce l'omogeneità interna dei partiti e dei movimenti disincentivando frantumazioni e scissioni. Un sistema elettorale con formula proporzionale da applicarsi in circoscrizioni medio-piccole, rispettando i voti che gli elettori esprimono sulla base delle liste locali, a livello nazionale evita di disperdere i seggi tra forze politiche troppo piccole e premia naturalmente le forze politiche maggiori, cosi' favorendo l'emersione di una maggioranza parlamentare effettivamente voluta dai cittadini, a differenza di quella prodotta dagli artifici giuridici del premio nazionale previsto dal c.d. Porcellum e dal c.d. Italicum".

Secondo la mozione di M5S invece "il meccanismo del premio subordinando l'elezione del Parlamento a quella del Governo produce un risultato antidemocratico e autoritario; la governabilità ottenuta col premio è una governabilità totalmente artificiale e quindi, paradossalmente, "instabile" e precaria perchè si fonda sull'illusione che investendo del potere una sola persona tutti i problemi siano sol per questo risolti. Mentre la governabilità costruita dal basso produce decisioni stabili, la governabilità imposta dall'alto produce decisioni immediate ma precarie, poiché  le leggi sono il frutto di decisioni solitarie di Governi appoggiati da un Parlamento privo di forza di rappresentanza reale".

La maggioranza risponde alla proposta del M5S col tentativo di una mozione unitaria della maggioranza che impegna il governo a modificare l'Italicum. La richiesta, avanzata da Ap, è stata accolta dal Pd. Nel caso non si trovasse un accordo, Area popolare, ha annunciato Maurizio Lupi, presenterà comunque una mozione di modifica della legge, senza però entrare nel merito.

RENZI: "Ora aspettiamo Berlusconi e Salvini" sulla legge elettorale "così tutte le posizioni sono chiare in campo e poi faremo le modifiche". Così il premier Matteo Renzi a margine dell'assemblea Onu.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Paolo Gentiloni al Pirellone di Milano

L'agenzia europea del farmaco a Milano: presentata la candidatura

Paolo Gentiloni al Pirellone con il sindaco Sala: Impegno nazionale e locale per l'Ema. Una grande occasione economica e di prestigio

Marie Elena Boschi e Giuliano Pisapia alla Festa Metropolitana a Milano

Pisapia: Abbraccio a Boschi? Non lavoro per dividere ma per unire

La polemica. L'ex sindaco parla a Repubblica. E spiega: "Non voglio fare un partitino del 3-3%". Rosati (Pd): "Ha ragione Giuliano"

Torino, il Presidente del Consiglio Gentiloni in visita presso Cooperativa Piergiorgio Frassati

Gentiloni: Fuori da crisi disperata, ancora conseguenze

A Torino, il presidente del Consiglio fa il punto sulla situazione del Paese, nel giorno in cui nuovi dati Inps restituiscono un quadro in chiaroscuro sul mercato del lavoro

FILE PHOTO - Italy's former PM Berlusconi gestures during the television talk show "Porta a Porta" in Rome

Dopo Costa se ne va Cassano. Berlusconi: "No ai traditori in FI"

Lascia il sottosegretario al Lavoro (Ap). Ma Silvio frena i ritorni in Forza Italia e apre a un partito "alleato"