Mercoledì 10 Maggio 2017 - 17:15

Legge elettorale, M5S: Ok a Legalicum come uscito da Consulta

"Solo il Pd, fino ad ora, non si è espresso al riguardo"

Legge elettorale, M5S: Ok a Legalicum come uscito da Consulta

"Prendiamo atto che diverse forze politiche si sono espresse a favore dell'estensione del Legalicum al Senato. Solo il Pd, fino ad ora, non si è espresso al riguardo. Ricordiamo che il M5S, sin dal 4 dicembre, ha sempre sostenuto e appoggiato questa soluzione, presentando un disegno di legge che prevedeva l'estensione al Senato della legge uscita dalla Consulta, con alcuni correttivi". "Il Movimento Cinque Stelle comunica che, pur di sbloccare l'impasse e di favorire la presentazione di un testo base di partenza sulla legge elettorale, è disposto a sostenere il Legalicum, esattamente così come è uscito dalla decisione della Corte costituzionale, anche senza alcun correttivo". E' quanto affermano in una nota congiunta i parlamentari M5S delle commissioni Affari costituzionali di Camera e Senato.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Paolo Gentiloni a piedi nei pressi di palazzo Chigi

Gentiloni lascia Chigi e scherza: "Non mi hanno mostrato la stanza dei bottoni"

Il premier uscente ha salutato i dipendenti: "Dovrebbe arrivare il nuovo esecutivo. Lasciamo il Paese con più lavoro, più diritti e conti a posto"

Giuseppe Conte entra alla Camera dei Deputati

Governo, si allungano i tempi. Conte lavora sulla lista dei ministri, incontro informale al Colle

Il premier incaricato dal governatore della Banca d'Italia a Palazzo Koch, poi vertice con Salvini e Di Maio. Conte non scioglierà la riserva prima di sabato

Il Presidente Mattarella a Civitavecchia in occasione della partenza della "Nave della Legalità"

Il Colle non ci sta: "Tema non sono veti, ma diktat su Mattarella e Conte"

Trapelano malumori per la posizione di Di Maio e Salvini su Savona all'Economia

Quirinale, Consultazioni

Salvini: "Pace fiscale e autonomia le priorità". E insiste su Savona al Mef

Una persona che vuole ridiscutere le regole europee "è un vanto per l'Italia, non un disvalore"