Martedì 16 Maggio 2017 - 22:00

Legge elettorale, il voto slitta: Mazziotti ritira il testo base

"Non ho alcuna intenzione di andare avanti con un testo base su cui il Pd è contrario"

Legge elettorale, il voto slitta: Mazziotti ritira il testo base

Il voto sul testo base della legge elettorale, cosiddetto Italicum Bis, potrebbe slittare. Secondo quanto si apprende da fonti parlamentari, il presidente e relatore Andrea Mazziotti, potrebbe ritirare il testo, facendolo decadere, senza bisogno di un voto. Di fatto il Partito democratico, con Ala-Sc e Lega, avrebbe la maggioranza in commissione e la sua proposta non è quella a firma Mazziotti. I Dem, decisi a portare avanti un sistema al 50% maggioritario e 50 % proporzionale, già denominato Rosatellum, sarebbero orientati ad avere un proprio relatore, che potrebbe essere Emanuele Fiano o un esponente della minoranza del partito.

MAZZIOTTI: VALUTO SE RESTARE. "Ritiro il testo base e mi prendo fino a domani per valutare se restare relatore". Così il relatore Andrea Mazziotti in commissione Affari costituzionali sulla legge elettorale. "Il testo base che ho presentato pensavo potesse avere il sostegno del Pd, giudizio basato su diversi fatti tra cui l'ultima presa di posizione in commissione di non fare ostruzionismo. La posizione contro il testo base non è mai stata esternata prima. Visto il preavviso io ho deciso di portare avanti il testo base così com'era. Io non ho alcuna intenzione di andare avanti con un testo base su cui il Pd è contrario. Io come parlamentare sono favorevole al maggioritario e al Mattarellum. C'è un cambiamento di impostazione, che a mio avviso è rischioso. Se la legge elettorale si farà, e io farò di tutto perché si faccia, chi avanza questa proposta si deve assumere la responsabilità del rischio", ha aggiunto.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Liliana Segre, reduce di Auschwitz

Chi è Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto e nuova senatrice a vita

Vittima delle leggi razziali del fascismo, il 30 gennaio 1944 venne deportata con il padre in Germania e poi al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz

Porta a porta, ospiti Danilo Toninelli e Matteo Orfini

Pd, Orfini: "LeU? Evitiamo scenari confusi alla D'Alema. No larghe intese"

Per il presidente del Partito democratico Renzi è la prima scelta per palazzo Chigi, senza escluderne però altri. E l'obiettivo da raggiungere alle urne è il 25%

Milano, convegno "Fare pace è un'impresa"

Olocausto, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Sopravvissuta ai campi di concentramento, ha ricevuto la carica per il suo impegno nel campo sociale

Matteo Salvini annuncia l'ingresso di Giulia Bongiorno nella Lega

Bongiorno capolista, è scontro nella Lega. Maroni: "Io e Bossi combattevamo Andreotti"

Polemiche sull'ex avvocatessa del democristiano e new entry nel partito. Salvini replica: "Orgoglioso della mia scelta"