Martedì 16 Maggio 2017 - 22:00

Legge elettorale, il voto slitta: Mazziotti ritira il testo base

"Non ho alcuna intenzione di andare avanti con un testo base su cui il Pd è contrario"

Legge elettorale, il voto slitta: Mazziotti ritira il testo base

Il voto sul testo base della legge elettorale, cosiddetto Italicum Bis, potrebbe slittare. Secondo quanto si apprende da fonti parlamentari, il presidente e relatore Andrea Mazziotti, potrebbe ritirare il testo, facendolo decadere, senza bisogno di un voto. Di fatto il Partito democratico, con Ala-Sc e Lega, avrebbe la maggioranza in commissione e la sua proposta non è quella a firma Mazziotti. I Dem, decisi a portare avanti un sistema al 50% maggioritario e 50 % proporzionale, già denominato Rosatellum, sarebbero orientati ad avere un proprio relatore, che potrebbe essere Emanuele Fiano o un esponente della minoranza del partito.

MAZZIOTTI: VALUTO SE RESTARE. "Ritiro il testo base e mi prendo fino a domani per valutare se restare relatore". Così il relatore Andrea Mazziotti in commissione Affari costituzionali sulla legge elettorale. "Il testo base che ho presentato pensavo potesse avere il sostegno del Pd, giudizio basato su diversi fatti tra cui l'ultima presa di posizione in commissione di non fare ostruzionismo. La posizione contro il testo base non è mai stata esternata prima. Visto il preavviso io ho deciso di portare avanti il testo base così com'era. Io non ho alcuna intenzione di andare avanti con un testo base su cui il Pd è contrario. Io come parlamentare sono favorevole al maggioritario e al Mattarellum. C'è un cambiamento di impostazione, che a mio avviso è rischioso. Se la legge elettorale si farà, e io farò di tutto perché si faccia, chi avanza questa proposta si deve assumere la responsabilità del rischio", ha aggiunto.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito

Cdp, chi è Palermo: manager interno che ha lavorato a Fincantieri

Lavora già a Cdp da quasi 4 anni, dove è Chief Financial Officer