Venerdì 02 Giugno 2017 - 13:45

L. elettorale, Grillo: Portavoce rispettino volontà iscritti M5s

La sottosegretaria Boschi fiduciosa: "Spero che l'accordo tra i tre principali partiti possa avere un esito favorevole"

Legge elettorale, Grillo richiama all'ordine i portavoce M5S: Rispettino volontà iscritti

Beppe Grillo richiama all'ordine i portavoce del M5s. "Il MoVimento 5 Stelle chiede di andare al voto dal 4 dicembre e sin da allora abbiamo proposto di approvare una legge elettorale costituzionale che permettesse di farlo. Prima era il Legalicum, ora è il modello tedesco, votato a stragrande maggioranza dai nostri iscritti con oltre il 95% delle preferenze. I portavoce del MoVimento 5 Stelle devono rispettare questo mandato perché il testo depositato in commissione mercoledì sera corrisponde al sistema votato dai nostri iscritti: proporzionale con 5% di sbarramento e divisione tra seggi proporzionali e collegi uninominali con predominanza dei primi per assegnare i seggi", scrive sul blog.

"Il proporzionale tedesco - prosegue Grillo - non è il nostro modello ideale, ma è un sistema costituzionale che può diventare legge solo grazie a noi. Come gli iscritti hanno deciso, stiamo cercando di inserire alcuni correttivi di governabilità che possano evitare il grande inciucio post elettorale. Correttivi che potrebbero permettere ad un solo partito di avere la maggioranza dei seggi in Parlamento raggiungendo circa il 40% dei voti. Il proporzionale tedesco ha garantito al partito della Merkel il 49% dei seggi con il 41% dei voti. Noi vogliamo qualcosa di più per favorire ulteriormente la governabilità".

"Le differenze - sottolinea - esistenti con il modello tedesco sono dovute alle diversità dell'assetto costituzionale esistenti tra la Germania e l'Italia. In Italia il numero dei parlamentari non può essere modificato perchè è fissato dalla Costituzione. Il 'tedesco' non prevede preferenze, ma prevede liste talmente corte da renderle superflue, che sono proprio quelle raccomandate dalla Corte costituzionale nella sua sentenza ammazza-Porcellum perché in grado di far riconoscere gli eletti agli elettori, e in ogni caso il MoVimento 5 Stelle indirà le parlamentarie online che si svolgeranno su Rousseau. Non ci interessa garantire la rielezione di questo o quell'altro portavoce. Quello che conta è far rispettare il nostro metodo e garantire al Paese di avere una legge elettorale costituzionale, non il Verdinellum".

BOSCHI: ACCORDO AVRA' ESITO FAVOREVOLE. "Io sono sempre fiduciosa, e spero che l'accordo tra i tre principali partiti possa avere un esito favorevole", dichiara intanto la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi, ai microfoni di RaiNews24, a margine delle celebrazioni del 2 giugno a Roma. "Sono al lavoro i deputati - spiega l'ex ministra delle Riforme - anche domani continueranno a lavorare sulla legge elettorale, per approdare in aula la prossima settimana".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Ilva, Di Maio: "Procedura di gara un pasticcio. Avvierò un'indagine e chi ha sbagliato ne risponderà"

Calenda replica: "Responsabilità è mia, non ho bisogno di inventare 'manine'. Annulla la gara se la ritieni viziata"

Salvini querela Saviano. Lo scrittore: "Punito dissenso, bisogna reagire"

“Provi piacere a vedere bimbi morti in mare” la frase che ha scatenato l'ira del ministro

Governo, sulle nomine è stallo. E il vertice da Conte salta

Si arena la trattativa su Cassa depositi e prestiti: doppio veto M5S-Lega su Dario Scannapieco

Dl dignità, Boeri attacca Di Maio e Salvini: "Calo degli occupati? Ministero sapeva"

“Governo perde il contatto con la terra”. La replica del ministro dell'Interno: "Mai minacciato il presidente Inps. Se vuole fare politica con la sinistra che l'ha nominato si candidi”