Mercoledì 17 Maggio 2017 - 22:30

Legge elettorale, Di Maio: Non la faranno e torneranno da noi

Il vicepresidente della Camera del M5S: Disponibili al dialogo

Luigi Di Maio e  Massimo Franco sull'immigrazione

Matteo Renzi detta i tempi: a giugno ci sarà la nuova legge elettorale. E Luigi Di Maio risponde: "Non la faranno e torneranno da noi con la coda tra le gambe". L'annuncio del segretario del Pd di portare la nuova legge a Montecitorio il 29 maggio è tema attuale e il vicepresidente della Camera lo sa. Così, nel suo arrivo a Torino per parlare di immigrazione, non si sottrae alle domande di quanti gli chiedono un commento sull'accelerata dell'ex premier. E lancia il suo affondo: "È chiaro che si stia provando a fare una legge contro il M5S insieme a Verdini e a qualche pezzo del Gruppo misto e con una Lega Nord che prima urlava all'inciucio, quando noi abbiamo aperto al Pd, e ora si butta nella mischia. Credo che non riusciranno ad approvarla perché, sebbene stiano facendo i conti, al Senato in questo momento ognuno va per sé, nel Pd e anche nei partiti minori. Quindi torneranno da noi a chiederci di trovare una quadra, alla luce del sole, su una legge elettorale che possa davvero dare governabilità a questo Paese. E noi ancora una volta saremo disponibili a fare una legge seria per l'Italia che garantisca governabilità. Saremo disponibili anche quando torneranno da noi con la coda tra le gambe". L'esponente 5 Stelle va oltre e guarda già a una squadra pentastellata di governo: "La nostra squadra sarà formata prima delle elezioni politiche. Sceglieremo il premier con regole che ancora non sono state definite, e lui si sceglierà i suoi ministri". E' la vera novità secondo Di Maio: "Gli italiani prima del voto conosceranno il premier e la squadra di governo". Non è dato sapere se "saranno tecnici o politici o se saranno persone interne o esterne al Movimento perché penso che agli italiani quello che interessa è che siano persone in grado di dimostrare capacità a risolvere i problemi, competenza e credibilità". L'obiettivo è chiaro: mandare a casa l'attuale governo il prima possibile. Secondo Di Maio, dalla telefonata di Renzi con il padre "viene fuori come al solito la doppia faccia di Renzi e del Pd e, come abbiamo visto, di Maria Elena Boschi sul caso delle banche. Loro hanno infettato le istituzioni con la menzogna: dobbiamo liberarcene democraticamente". Sullo sfondo ci sono gli sbarchi, la rotta del Mediterraneo da chiudere, il rapporto con l'Europa, le frontiere, e su questo Di Maio usa un tema molto caro ai renziani: un maggiore impegno di Bruxelles. "Se vogliamo risolvere il problema dell'immigrazione - ricorda il vicepresidente della Camera - abbiamo bisogno che tutta l'Unione europea faccia la sua parte perché noi la stiamo facendo con 4,5 miliardi di euro all'anno".

Scritto da 
  • Valentina Innocente
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo ma non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi

L'Italia piange Bruno e Luca. Mattarella: "Lotta al terrore"

La politica si stringe nel dolore delle famiglie