Venerdì 28 Ottobre 2016 - 13:00

Legge Bilancio, dal canone Rai alle start-up: le novità in bozza

La bozza del documento, letto da LaPresse, che arriva in Parlamento tra oggi e domani

Legge Bilancio, canone Rai scende a 90 euro. Sostegno a start-up e autoimpresa

Dal canone Rai, che scende a 90 euro, agli incentivi per l'autoimprenditorialità fino alla proroga del blocco delle aliquote Irpef. Sono solo alcune delle novità che emergono dalla bozza della Legge di bilancio - visionata da LaPresse - che verrà modificata in alcune sue parti e il cui arrivo è previsto tra oggi e domani in Parlamento, secondo quanto ha annunciato il premier Matteo Renzi

BONUS EDILIZIA. Sono prorogate al 2017 le detrazioni fiscali per interventi di ristrutturazione edilizia, riqualificazione antisismica, riqualificazione energetica e acquisto mobili e credito d'imposta per le strutture ricettive. Per le spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021 per interventi di riqualificazione energetica di parti comuni dei condomini, la detrazione spetta nella misura del 70 per cento.
La detrazione sale al 75 per cento per le spese sostenute per gli interventi di riqualificazione energetica finalizzati a migliorare la prestazione energetica invernale e estiva e che conseguano almeno la qualità media stabilita dal Ministro dello sviluppo economico. La spesa complessiva però non dev'essere superiore a 40mila euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l'edificio. Il credito d'imposta viene poi riconosciuto anche per i periodi di imposta 2017, 2018 e 2019 nella misura del cinquanta per cento. Novità introdotta dalla manovra, dovrebbero essere inclusi tra i beneficiari del credito di imposta anche le strutture alberghiere e che svolgono attività agrituristica.
Secondo quanto riporta la bozza, il credito di imposta può essere fruito nel limite massimo di 30 milioni di euro nel 2018, 60 milioni di euro nel 2019, 90 milioni di euro nel 2020, 60 milioni di euro nel 2021 e 30 milioni di euro nel 2022.

BLOCCO ALIQUOTE IRPEF.  Viene prorogato il blocco degli aumenti delle aliquote Irpef 2017. 

FINANZIAMENTI PMI. E' prorogato fino al 31 dicembre 2018 il termine per la concessione dei finanziamenti per l'acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature da parte delle piccole e medie imprese. E' autorizzata la spesa di 28 milioni di euro per l'anno 2017, di 84 milioni di euro per l'anno 2018, di 112 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2019 al 2021, di 84 milioni di euro per l'anno 2022 e di 28 milioni di euro per l'anno 2023.

LEGGI ANCHE Fisco, Agenzia Entrate lancia servizio sms per scadenze e rimborsi

130 MLN A CHI SI METTE IN PROPRIO. Per il rifinanziamento degli interventi per l'autoimprenditorialità è autorizzata la spesa di 70 milioni di euro per l'anno 2017 e di 60 milioni di euro per l'anno 2018. La dotazione del Fondo per la crescita sostenibile è incrementata di 50 milioni per il 2017 e di 50 milioni di euro per l'anno 2018, da destinare ai finanziamenti agevolati per il sostegno alla nascita e allo sviluppo di imprese start-up innovative Per il rifinanziamento degli interventi per l'autoimprenditorialità è autorizzata la spesa di 70 milioni di euro per l'anno 2017 e di 60 milioni di euro per l'anno 2018. La dotazione del Fondo per la crescita sostenibile è incrementata di 50 milioni per il 2017 e di 50 milioni di euro per l'anno 2018, da destinare ai  finanziamenti agevolati per il sostegno alla nascita e allo sviluppo di imprese start-up innovative. 

HUMAN TECHNOPOLE. Per aumentare gli investimenti pubblici e privati nei settori della ricerca finalizzata alla prevenzione e alla salute, è istituita la Fondazione per la creazione di una infrastruttura scientifica e di ricerca, di interesse nazionale, nei settori della salute, della genomica, dell'alimentazione e della scienza dei dati e delle decisioni, e per la realizzazione del progetto scientifico e di ricerca "Human Technopole".  Per la costituzione della fondazione e per la realizzazione del progetto Human Technopole, il governo autorizza la spesa di 10 milioni di euro nel 2017, 114,3 milioni di euro per il 2018, 136,5 milioni per il 2019, 112,1 milioni per il 2020, 122,1 per il 2021, 133,6 per il 2022 e 140,3 a decorrere dal 2023. Tutti gli atti connessi alle operazioni di costituzione della Fondazione sono esclusi da ogni tributo e vengono effettuati in regime di neutralità fiscale. Sono membri fondatori il Ministero dell'economia e delle finanze ed il Ministero dell'istruzione, dell'università e delle ricerca, ai quali viene attribuita la vigilanza sulla Fondazione. Il patrimonio della Fondazione è costituito da apporti dei Ministeri fondatori e incrementato da ulteriori apporti dello Stato, nonché dalle risorse provenienti da soggetti pubblici e privati. Le attività, oltre che dai mezzi propri, possono essere finanziate da contributi di enti pubblici e di privati. Alla Fondazione possono essere concessi in comodato beni immobili del demanio e del patrimonio dello Stato.

G7 DI TAORMINA. E' autorizzata la spesa di 45 milioni di euro per il 2017 da destinare al G7 che si terrà a maggio nella provincia siciliana di Taormina. "Per l'attuazione degli interventi relativi all'organizzazione e allo svolgimento del vertice tra i sette maggiori Paesi industrializzati (G7), anche per adeguamenti di natura infrastrutturale e per le esigenze di sicurezza, è istituito nello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze, un fondo da trasferire alla Presidenza del Consiglio dei ministri. Per le finalità di cui al primo periodo - si legge nella bozza - è autorizzata la spesa di 45 milioni di euro per l'anno 2017".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Nomine, privatizzazioni e fusioni: le eredità scomode di Renzi

Nomine, privatizzazioni e fusioni: le eredità scomode di Renzi

Nei primi mesi del 2017 scadranno i consigli di amministrazione di tutte le principali società con primo azionista lo Stato

Referendum, Razzi: Felice vittoria No, a Renzi consiglio sauna per relax

Referendum, Razzi: Felice vittoria No, a Renzi consiglio sauna per relax

"Se fosse passata la riforma? Mi potevo fare un senato tutto mio, come dice Maurizio Crozza"

Governo, ipotesi ok rapido a manovra: già mercoledì

Manovra, ipotesi ok rapido da governo: già mercoledì

Renzi non avrebbe intenzione di rimanere un giorno in più del necessario a palazzo Chigi

M5S all'attacco: Non vogliamo cambiare Italicum, subito al voto

M5S all'attacco: Non vogliamo cambiare Italicum, subito al voto

Di Maio e Di Battista spingono sull'acceleratore