Venerdì 21 Ottobre 2016 - 20:15

Bilancio, Boeri attacca Poletti: Manovra non investe su giovani

Il ministro del Lavoro respinge le valutazioni del presidente dell'Inps e difende le scelte del governo Renzi

Legge Bilancio, Boeri attacca: Non investe sui giovani. Ma Poletti replica: Falso

La legge di Bilancio, che nei prossimi giorni dovrebbe approvare prima alla Camera e poi al Senato, "rientra un po' nel solco delle ultime leggi di stabilità", perché "interviene sulle pensioni e sull'età immediatamente precedente a quella della pensione", dimenticando i giovani. Il giudizio arriva da chi di pensioni se ne occupa quotidianamente: il presidente dell'Inps, Tito Boeri. Il video di Boeri, trasmesso ieri in serata all'Hotel Quisisana a Capri, ha chiuso la prima giornata del convegno di Confindustria Giovani.

BOERI: NON INVESTE SUI GIOVANI. Per il presidente Inps, "un Paese che smette di investire sui giovani è un Paese che non ha grandi prospettive di crescita". Non solo. Puntare sulla quattordicesima per i pensionati potrebbe essere poco utile, perché spesso il nucleo famigliare ha già abbastanza risorse. Secondo le stime dell'Inps, 7 persone su 10 che riceveranno questa quattordicesima si trovano in famiglie dove il reddito complessivo è già alto. Il presidente Inps ha molto spinto per le ricongiuzioni per chi ha versato contributi diversi durante diversi lavori. "Sono molto soddisfatto che questo intervento sia incluso - ha detto Boeri - potrà aiutare i giovani, che spesso hanno esperienze lavorative variegate". L'economista, pero, avrebbe voluto estendere le ricongiuzioni anche alle casse pensionistiche delle libere professioni.

POLETTI RESPINGE LE ACCUSE. Il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, anche lui a Capri, respinge le valutazioni di Boeri. Quindi, sulle trattative Roma-Bruxelles su manovra e deficit, ha detto che "non ci sarà bisogno di nessuna manovra correttiva" per rilievi che l'Unione europea alla legge di Bilancio. Il ministro, intervenuto dopo il video di Boeri, ha ribadito la sua completa fiducia per il presidente del Consiglio e il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. L'Europa "deve dare atto a questo Paese di aver sviluppato le riforme strutturali", ha proseguito. "Ogni anno tra ottobre e novembre ci dite che l'Europa ci boccerà la legge di Bilancio, ma poi questo non avviene", ha detto Poletti.

POLEMICA CON CGIL. Sulla manovra, sono intervenuti anche i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, invitati anche loro al convegno della Confindustria Giovani. Susanna Camusso della Cgil ha anche avuto un piccolo battibecco sulla legge, di cui sono state illustrate le grandi linee nel Consiglio dei Ministri di sabato scorso, ma che non è ancora stampata nero su bianco. Il ministro Poletti, dalla platea, ha chiesto quindi polemicamente perché viene criticata, visto che il testo ancora non c'è. I capi dei tre principali sindacati hanno poi lanciato un appello con toni diversi ma contenuto comune: bisogna occuparsi seriamente del rinnovo di una serie di contratti nazionali.

Scritto da 
  • Dall'inviato Matteo Bosco Bortolaso
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bce estende quantitative easing fino a fine 2017, da aprile 60 miliardi al mese

Bce estende Qe fino a fine 2017, da aprile 60 miliardi al mese

Tassi restano invariati a zero. Draghi assicura: "Nessun favore all'Italia, non rappresentiamo singoli Paesi"

Forte Village, da gennaio Master in Five Stars Hotel Management

Forte Village, da gennaio Master in Five Stars Hotel Management

Il corso ha l'obiettivo di formare figure ad alta professionalità specializzate nel turismo

Istat, il 28,7% dei residenti in Italia è a rischio povertà

Istat, il 28,7% dei residenti in Italia è a rischio povertà

Cresce anche il divario tra le famiglie ricche e quelle povere