Domenica 14 Maggio 2017 - 20:15

Salvini vince primarie della Lega, Bossi attacca: Non ha programma

Il leader del Carroccio: "Adesso dobbiamo mandare a casa Renzi". I dubbi di Bossi: "Ora porterà il partito al Sud ed è finita"

Lega, Salvini trionfa con l'82% alle primarie e resta segretario. Sconfitto Fava

Matteo Salvini ha vinto le primarie della Lega Nord, contro Gianni Fava, con l'82,7% dei consensi. Queste le preferenze raccolte dal segretario Regione per Regione Piemonte 87/13%, Friuli 87/13%, Emilia 76/24%, Romagna 59/41%, Trentino 81/19%, Sud Tirolo 69/31%, Umbria 95/5%, Aosta 100%, Liguria 95/5%, Toscana 83/17%, Marche 83/17%, Lombardia 78/21%, Veneto 91/9%. "Una sola parola: Grazie. Abbiamo abbondantemente superato l'80% dei voti! Ora l'obiettivo è mandare a casa Renzi, Alfano, Boschi e Boldrini, bloccare l'invasione clandestina in corso, rilanciare lavoro e speranza in Italia. Se voi siete pronti, io ci sono. Insieme si vince!", ha detto Salvini dopo la vittoria. 

La notizia non piacerà a Umberto Bossi, che, prima del verdetto finale, aveva affermato: "Spero che vinca Fava, perché se vince Salvini e la porta al Sud, la Lega è finita". Secondo il Senatùr, "Salvini è la brutta copia di Renzi: Sono tutti e due uguali, per loro la soluzione è 'prima il mio culo'". 

LA REPLICA AL SENATUR. A Umberto Bossi "porto affetto e riconoscenza ma c'è un limite a tutto. Io rispondo alla Lega che si è espressa chiaramente" con il voto delle primarie, "orgogliosa del suo passato ma con i piedi ben piantati nel futuro. Io mi ribello a questo tentativo di Bruxelles che ha tolto l'Italia dalla cartina dell'Ue". Lo ha detto il vincitore delle primarie della Lega Nord, Matteo Salvini, ai microfoni di Radio Padania, commentando le parole del Senatur che aveva definito "fascista" Marine Le Pen.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Piazza Montecitorio - Manifestazione del M5S contro il Rosatellum

M5S, Morra: "Alleanze? Chi vuole combattere per nostro programma ben venga"

Il senatore commenta le parole di Beppe Grillo e ribadisce la linea di Di Maio, senza escludere dunque apporti esterni dopo il voto

Liliana Segre, reduce di Auschwitz

Chi è Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto e nuova senatrice a vita

Vittima delle leggi razziali del fascismo, il 30 gennaio 1944 venne deportata con il padre in Germania e poi al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz

Porta a porta, ospiti Danilo Toninelli e Matteo Orfini

Pd, Orfini: "LeU? Evitiamo scenari confusi alla D'Alema. No larghe intese"

Per il presidente del Partito democratico Renzi è la prima scelta per palazzo Chigi, senza escluderne però altri. E l'obiettivo da raggiungere alle urne è il 25%

Milano, convegno "Fare pace è un'impresa"

Olocausto, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Sopravvissuta ai campi di concentramento, ha ricevuto la carica per il suo impegno nel campo sociale