Domenica 10 Dicembre 2017 - 11:30

Sit-in di Salvini contro lo Ius soli: "Cittadinanza a fine percorso, no regalo elettorale". Protestano i migranti

Il comizio a Santi Apostoli tra i sostenitori e le associazioni contro il leader del Carroccio

Manifestazione contro lo Ius Soli

Piazza Santi Apostoli a Roma divisa in due per il comizio del leader leghista Matteo Salvini contro lo Ius soli. Da un lato decine e decine di fan intrattenuti da musiche natalizie come 'Jingle Bells' e impegnati a scattare foto ra le bandiere della Lega. E dall'altro migranti e associazioni uniti in una contro-manifestazione: "Salvini, Salvini, vaffa..." tra i cori intonati. "La cittadinanza arriva alla fine di un percorso, non è un regalo elettorale", ha detto subito Salvini spiegando che la cittadinanza italiana deve essere una possibilità da richiedere eventualmente ai 18 anni, (non dopo un ciclo scolastico di 5 anni, come prevede il ddl approvato dalla Camera e in attesa del voto in Senato).

Imponente il dispositivo di sicurezza per impedire che i due gruppi si possano incontrare. Una volta arrivato, il leader della Lega ha parlato delle prossime elezioni. "Io premier? Se gli italiani lo vorranno, sarà una splendida realtà. Berlusconi lo sa e farà parte di questa splendida squadra. In democrazia vince chi prende un voto in più - ha detto Salvini, conversando con i giornalisti, ribadendo che se la Lega avrà più consenso di FI indicherà il premier - E' un'avventura che durerà almeno 10 anni, non tre mesi". Non solo. "Appena il Governo si degnerà di farci conoscere i collegi, io mi candiderò ovunque Renzi deciderà di farlo".

Salvini ha le idee chiare: "Non vedo l'ora di vincere per stracciare la legge Fornero, e farla piangere ancora. Ne piange una, ne sorridono in milioni. Io vorrei sfidare in un collegio Renzi, e nell'altro Boldrini: così nessuno dei due si offende", ha continuato.

E ancora. "Gli italiani non votano in base a quello che dicono Putin e Trump, i venusiani: Siamo alla follia - ha proseguito Salvini conversando con i giornalisti - La vera fake news la sta rifilando la sinistra agli italiani, e gli italiani votano con la loro testa". Parlando delle presunte interferenze russe nel dibattito politico italiano ha aggiunto: "

Io tra Renzi e Putin non avrei alcun dubbio su chi votare". Poi ha attaccato l'ex presidente Usa Barack Obama (cui "andrebbe ritirato il Nobel per la Pace"), sottolineando di farlo "perchè lo penso io, non perché me l'ha suggerito Putin".

Un commento sulle prossime elezioni regionali del Lazio a cui si candida il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi: "Io lo stimo come sindaco, e gli auguro le migliori fortune". E uno sul corteo contro il fascismo di sabato a Como, organizzato dal Pd:

"È stata una manifestazione che guarda al passato, con bandiere di quel comunismo che ha sulla coscienza milioni di vittime".

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Crollo ponte Genova, il giorno dopo

Genova, Burlando: "Alla città servono nuove opere, non si torni indietro"

L'analisi dell'ex ministro dei Trasporti nel governo Prodi e presidente della Regione Liguria dal 2005 al 2015

Crollo ponte Genova, Di Maio e Toninelli in visita al luogo del disastro

Genova, scontro sulla concessione. Atlantia a picco: "Ci spetta valore residuo". Di Maio: "Non pagheremo penali"

I mercati puniscono la società controllante di Autostrade dopo l'annuncio del governo sulla possibile revoca: il titolo cede oltre il 25%

Genova, il giorno dopo il crollo del ponte

Genova, Paita: "Conseguenze catastrofiche, il governo ascolti la città"

Intervista alla deputata dem, ex candidata alla presidenza della Liguria: "Un anno fa feci un'interrogazione proprio sulla sicurezza di quel ponte, mi dissero che andava tutto bene"

Milano, Salvini al Gazebo della Lega per votare  il contratto di governo con M5s

Genova, la promessa di Salvini: "Nella prossima manovra soldi per messa in sicurezza del Paese"

Il ministro dell'Interno assicura: "Faremo una radiografia dell'Italia che soffre, bisogna intervenire prima"