Sabato 29 Ottobre 2016 - 09:45

Lecco, viceministro Nencini: Crollo cavalcavia? La natura non c'entra

Un tir è caduto sulla statale 36 sottostante schiacciando due auto. C'è una vittima

Lecco, Nencini: Crollo cavalcavia? Natura non c'entra

Sulla vicenda "lavorerà una commissione di inchiesta. Per ora un abbraccio a chi ha perso il suo caro e ai familiari dei feriti. Dobbiamo fare in fretta per accertare le responsabilità. Qui la natura c'entra molto poco. Chi ha la responsabilità deve portarne la pena". Così il viceministro alle Infrastrutture e ai trasporti, Riccardo Nencini, che ieri sera ha fatto un sopralluogo nella zona coinvolta dal crollo del cavalcavia, in provincia di Lecco, all'altezza di Annone Brianza, dove un tir alle 17.20 è caduto sulla strada statale 36. Il bilancio è di almeno un morto. (GUARDA LA GALLERY)

Loading the player...

Il primo a dare l'allarme era stato un cantoniere dell'Anas, Tindaro Sauta. "Mi è arrivata alle 13.30 - ha raccontato - una chiamata dalla sala operativa per venire al km 41.200 perché era stata segnalata la caduta di calcinacci dal viadotto. Io mi trovavo a qualche chilometro da qua, a Garbagnate, mi sono subito precipitato. Dopodiché è arrivata la polizia stradale, a cui ho comunicato che avrei chiuso la corsia di marcia per i calcinacci e avrei contattato i miei superiori per fare un sopralluogo e decidere il da farsi".

"La statale - ha aggiunto - contatta la Provincia e io dico che serve chiudere anche di sopra (sp 49, ndr), non far passare nessuno. Arrivano due addetti della Provincia a cui dico: 'Secondo me, bisogna chiudere, almeno un paio d'ore, finché capiscono i miei superiori di che cosa si tratta. Un funzionario della provincia mi dice: 'Ma sa, ci vogliono due righe scritte, l'ordinanza'. Rispondo: 'Io non faccio righe scritte o ordinanza. Secondo me, la strada è da chiudere, perché potrebbe esserci qualche problema'. Ma io mio sapere si ferma lì. Per quello ho chiamato i miei superiori".

 "Io - ha detto ancora Sauta - ho chiuso la corsia con i mezzi che avevo a disposizione al momento. Ho contattato la nostra ditta di manutenzione e avevo già messo l'apposita segnaletica che dirottava il traffico sulla corsia di sorpasso. Io ho visto cadere il viadotto alle 17.20. L'unica cosa che sono riuscito a fare: ho visto una bambina che tiravano fuori da una macchina e mi sono precipitato per dare una mano a chi vedevo che riusciva a venire fuori dalla macchina. Io sono saltato sul guardarail e ho preso in braccio la bambina, dopo che il papà l'aveva tirata fuori dalla macchina, è l'ho portata giù, distante, perché la macchina sembrava che prendesse fuoco. Poi il marito ha preso la moglie e io l'ho presa in braccio e l'ho stesa a terra. Avrei voluto fare di più, tirare su il viadotto con le mie mani, ma non riuscivo", ha concluso con amarezza l'addetto dell'Anas.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Addio a Ivan Cicconi, ingegnere No Tav: il cordoglio del M5s

Addio a Ivan Cicconi, ingegnere No Tav: il cordoglio del M5s

"Ha messo a disposizione le sue conoscenze per ambientalisti, comitati e cittadini"

Sarah Scazzi, pg Cassazione: confermare ergastoli per Sabrina e Cosima

Scazzi, pg Cassazione: Confermate ergastoli per Sabrina e Cosima

Atteso entro sera il verdetto della Suprema corte a sei anni dall'omicidio di Avetrana. Chiesti otto anni per Michele Misseri

La madre di Sarah Scazzi

Arriva in Cassazione il processo per la morte di Sarah Scazzi

La quindicenne fu strangolata e buttata in un pozzo nel 2010

Bussi, la discarica dei veleni: 10 condanne per disastro colposo aggravato

Discarica Bussi, 10 condanne per disastro colposo aggravato

Ribaltata la sentenza sull'ex impianto Montedison in Abruzzo