Giovedì 17 Marzo 2016 - 07:45

Le mani della Camorra su sale giochi e slot machine: 5 arresti

In manette a Caserta alcuni uomini legati al boss Michele Zagaria

Le mani della Camorra su sale giochi e slot machine: 5 arresti

Controllavano il mercato di sale giochi, centri scommesse e slot machine con metodi mafiosi in alcuni comuni della provincia di Caserta. Per questo cinque persone sono state arrestate dalla polizia di Stato e dai carabinieri del Ros e del comando provinciale di Caserta. Gli arrestati sono ritenuti responsabili di associazione mafiosa, concorso esterno in associazione mafiosa, concorrenza illecita e ricettazione aggravate dalle finalità mafiose.

Le indagini, svolte dai poliziotti della squadra mobile e dai carabinieri, hanno documentato il controllo, da parte di imprenditori e commercianti legati al boss Michele Zagaria, di sale giochi e centri scommesse e l'imposizione e la distribuzione esclusiva delle slot machine in alcuni comuni della provincia di Caserta.

Nel corso dell'operazione verrà data esecuzione a un decreto di sequestro preventivo di beni mobili e immobili per un valore di circa un milione di euro.

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

IL PRELIEVO AL BANCOMAT

La crisi spaventa: il denaro non circola, 38 miliardi di riserve in più

I cittadini accumulano per timore di nuove tasse, le imprese non investono perché non hanno fiducia nel futuro

Belgio, insetti da mangiare

Insetti a tavola dal 1 gennaio, più di 1 italiano su 2 è contrario

La maggior parte dei nuovi prodotti proviene da Paesi come la Cina o la Thailandia da anni ai vertici delle classifiche per numero di allarmi alimentari

Maltempo ponte della Liberazione - Nebbia al Passo del Tonale

Nuvole e temperature in calo: il meteo del 21 e del 22 ottobre

Le previsioni per sabato e domenica: il freddo inizia ad arrivare

A customer walks out of a KFC restaurant in Shanghai

Kfc e la lotta alla fame: dona il pollo fritto ai poveri

Il fast food, in collaborazione col Banco Aliminetare, è il primo a non buttare le eccedenze