Sabato 12 Agosto 2017 - 18:00

Inzaghi: Supercoppa? Noi sfavoriti ma nel calcio non si sa mai

"La Juve senza Bonucci? E' un giocatore grandissimo, ma credo che il livello sia rimasto intatto"

Lazio, Inzaghi: Supercoppa? Noi sfavoriti ma nel calcio non si sa mai

"Io penso che la Lazio arrivi bene alla finale, abbiamo fatto un buon precampionato, abbiamo lavorato da inizio luglio sapendo di avere la Supercoppa come prima partita.  Con la Juve abbiamo una tradizione sfavorevole ma come la maggior parte delle squadre, dovremo fare una gara coraggiosa". A dirlo l'allenatore della Lazio Simone Inzaghi durante la conferenza stampa alla vigilia della sfida di Supercoppa con la Juve. "Abbiamo bisogno del coraggio ma sappiamo che le partite possono riservare qualsiasi risultato. Dovremo essere squadra e gruppo e vedremo cosa accadrà, per noi è motivo di orgoglio essere qua. Noi siamo sfavoriti, ma nel calcio non si sa mai", ha continuato.

"La Juve senza Bonucci? E' un giocatore grandissimo che stimo molto come ragazzo, leggo che Allegri ha un dubbio dietro tra Benatia, Barzagli e Rugani...Credo che il livello sia rimasto intatto", ha proseguito Inzaghi. "Incontriamo la migliore squadra che c'è in Italia che ha vinto gli ultimi sei scudetti", ha aggiunto.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Europa League - Lazio vs Vitesse Arnhem

Lazio-Vitesse, la dedica speciale di Luis Alberto e la reazione di sua moglie su Instagram

È stato lui a firmare il gol dell'1-1 contro il Vitesse in Europa League

Roma - Lazio

Roma-Lazio, le pagelle: Nainggolan condottiero, Immobile leone

Perotti il migliore nei giallorossi, prestazione sufficiente per Parolo

Roma - Lazio

Serie A, Roma vince il derby e si siede al tavolo delle pretendenti allo scudetto

A segno Perotti e Nainggolan, non basta Immobile. E la squadra di Di Francesco si siede al tavolo delle pretendenti allo scudetto

Cesena - Lazio

Lazio, 13 daspo a ultrà per adesivi Anna Frank. Portavoce: Siamo al razzismo alla rovescia

Arturo Diaconale condanna i responsabili, ma difende la tifoseria laziale ma: "È stata bollata nel suo insieme come antisemita, razzista e violenta"