Lunedì 27 Maggio 2013 - 12:40

Lazio, Fiorito condannato a 3 anni e 4 mesi

IMG

Roma, 27 mag. (LaPresse) - Il Tribunale di Roma ha condannato per peculato Franco Fiorito, ex capogruppo del Pdl alla Regione Lazio, a 3 anni e 4 mesi, e all'interdizione per 5 anni dai pubblici uffici. Batman, accusato di essersi appropriato di oltre un milione di euro dei fondi destinati al partito, è arrivato sorridente davanti all'aula, giungendo puntale alle 10 affiancato dall'avvocato Carlo Taormina. Per i suoi collaboratori Bruno Galassi e Pierluigi Boschi, che hanno chiesto di poter patteggiare la pena, le pene sono state: un anno e 5 mesi a Galassi, e un anno e due mesi a Boschi. Il processo all'ex sindaco di Anagni si e' svolto con il rito abbreviato davanti al gup Rosalba Liso.

 

Il 18 aprile scorso Fiorito aveva raggiunto una intesa con la Corte dei Conti per la restituzione di un milione e 90mila euro. Secondo la Procura, l'ex esponente del Pdl al Consiglio regionale avrebbe dirottato su alcuni conti, in Italia e all'estero, fondi destinati al gruppo del Popolo della Libertà alla Pisana. Secondo Taormina, difensore di Fiorito, il milione di euro che verrà restituito alla casse regionali riguarda i "550mila euro già sbloccati dal gup, 200mila in contanti e il resto da beni immobili dati in garanzia".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Dibattito confronto tra le candidate presidenti del X Muncipio

Ostia,ballottaggio blindato ma si chiude senza big. Scintille Meloni-M5S

Al primo turno la candidata pentastellata Di Pillo è stata la più votata con il 30,21%, seguita da quella del centrodestra Picca con il 26,68%

Paolo Gentiloni e Walter Veltroni alla presentazione del libro "Quando"

Gentiloni: "Il centrosinistra sia largo e unito"

Il premier avverte: "Rifugiarsi nella nostalgia del passato è un rischio drammatico"

Gianfranco Fini ospite a "Porta a Porta"

Gianfranco Fini in Procura. E' stato sentito sul caso Tulliani

E' indagato per riciclaggio. Il cognato alla testa di un'organizzazione criminale che faceva girare milioni

Presidio dei Radicali Italiani per il biotestamento

Scheda, nella legge sul Biotestamento, il diritto di rifiutare cibo e acqua

Ecco il testo approvato lo scorso 20 aprile alla Camera. Stabilito il diritto alla dignità e all'autodterminazione