Domenica 08 Ottobre 2017 - 17:30

Giornata vittime incidenti sul lavoro. Mattarella: Troppi giovanissimi coinvolti

"Prevenzione e attenzione alle vittime sono i cardini di una riflessione necessaria in materia di sicurezza", dice il capo dello Stato

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella al Parlamento della Finlandia

Nella ricorrenza della 67esima giornata nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro, celebrata oggi in tutta Italia, si alza forte la voce del presidente della Repubblica. Sergio Mattarella, in una lettera inviata a Franco Bettoni, presidente dell'Anmil (Associazione nazionale mutilati e invalidi del lavoro), parla di un vero e proprio "dramma" per questo tipo di incidenti.

"Prevenzione e attenzione alle vittime sono i cardini di una riflessione necessaria in materia di sicurezza - dice il capo dello Stato -. Il rischio di infortunio deve essere neutralizzato al suo insorgere, in qualsiasi luogo e per qualsiasi forma di lavoro: solo così si può parlare di salvaguardia della salute". Mattarella poi si sofferma sui giovani, definendo "inconcepibile" che tra le vittime di infortunio sul lavoro ci siano "ragazzi giovanissimi". L'invito alle aziende è quello di rispettare gli standard di sicurezza. "Oggi si dispone di tecniche e conoscenze avanzate: non è tollerabile che esse non siano poste al servizio della persona, per prevenire ogni forma di lesione o malattia, nonché riabilitare coloro che degli infortuni sono stati vittime", dichiara Mattarella.

Secondo il presidente di Anmil, Franco Bettoni, "la giornata per le vittime del lavoro rappresenta un'importante occasione per riflettere e programmare le azioni più efficaci da intraprendere". I dati Inail infatti parlano di un aumento dei casi. Le denunce nel periodo gennaio-agosto sono state 421.969, ovvero 5.229 in più rispetto allo stesso periodo del 2016. "La preoccupazione per l'aumento infortunistico dell'1,3% - spiega il presidente Bettoni - è dettata soprattutto dal fatto che a tale incremento hanno contribuito soltanto le gestioni industria e servizi (+2%) e quella conto stato dipendenti (+3,3%), quindi parliamo proprio di carenza di sicurezza nei luoghi di lavoro più rischiosi". "Stesso discorso per le denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale che sono state 682,31 rispetto ai 651 decessi dell'analogo periodo del 2016 (+4,8%) - aggiunge Bettoni - quindi è tempo di riflessioni e di confronti che devono dare seguito a provvedimenti stringenti". Sull'argomento interviene anche la segretaria generale della Cisl, Anna Maria Furlan, parlando di "strage infinita". "Serve più rispetto per la salute e per la vita", aggiunge.
 

Scritto da 
  • Andrea Capello
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

5-Star Movement member Di Battista speaks to supporters in front of Montecitorio palace in Rome

M5s, Di Battista: "Niente staffette con Di Maio, voglio stare con mio figlio"

Il deputato spiega al Corriere della Sera perché ha scelto di non ricandidarsi in Parlamento

Silvio Berlusconi ospite a "Porta a Porta"

Berlusconi:"In campo con o senza sentenza Strasburgo. M5S vero pericolo"

Per il leader di Forza Italia il nemico da battere sono i Cinquestelle che "hanno un programma delirante basato sull'invidia per il ceto medio"

Matteo Renzi ospite di Porta a Porta

Renzi gela la sinistra: "No su art.18". E sfida Berlusconi in suo collegio

Apertura nei confronti di Pisapia e ai centristi di Alfano. Vede un giovane ricercatore a contendere il collegio di Luigi Di Maio

Ue, Renzi da Macron: "Siamo argine per populisti come Salvini e Le Pen"

Il segretario dem all'Eliseo per un incontro informale: "È punto di riferimento in Europa"