Giovedì 14 Gennaio 2016 - 17:00

Lavoro, Ministero: Disponibili 433 mln per cassa in deroga 2015

Da oggi a disposizione delle Regioni che ne avevano fatto richiesta le risorse necessarie a soddisfare le competenze residue

Lavoro, Ministero: Disponibili 433 mln per cassa in deroga 2015

Sono da oggi a disposizione delle Regioni che ne avevano fatto richiesta le risorse necessarie a soddisfare le competenze residue, relative al 2015, per l'erogazione dei trattamenti di cassa integrazione e mobilità in deroga. È infatti operativo il decreto firmato dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, e dal Ministro dell'Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, che stabilisce la ripartizione delle risorse da destinare alle Regioni richiedenti -Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana Umbria e Veneto- per il pagamento delle somme dovute ai titolari dei trattamenti di CIG e mobilità in deroga, per il periodo fino al 31 dicembre 2015.

Si tratta di un onere complessivo di 433 milioni e 200.489 Euro, posto a carico del Fondo Sociale per l'Occupazione e la Formazione. Questo provvedimento, con il quale si chiude l'esercizio dell'anno 2015, è stato adottato con circa quattro mesi di anticipo rispetto a quello dello scorso anno concernente la medesima finalità riferita al 2014 e, di conseguenza, consente a chi è in attesa del pagamento di poterlo ricevere più rapidamente.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Dallo smartphone diagnostico alla cura delle api. Ecco i premi Marzotto 2017

Assegnati a Roma al teatro Brancaccio. Due milioni e mezzo di euro a sostegno di start up e imprese innovative

Assemblea Abi a Roma

Ocse: "Cala rapporto tasse/Pil, Italia al sesto posto nell'area"

Il rapporto tra tasse e Pil è sceso di quattro decimi di punto rispetto al 2016

Milano, manifestazione Cgil Cisl e Uil

Pensioni, governo apre su donne e giovani. Ma a Cgil non basta: sindacati divisi

Gentiloni: "Paccheto importante e sostenibile". Camusso: "Insufficiente, 2 dicembre mobilitazione"