Mercoledì 31 Agosto 2016 - 10:15

Istat: disoccupazione in calo all'11,4%, sale quella giovanile

A luglio scende anche la stima degli occupati: -0,3% rispetto al mese precedente

Lavoro, disoccupazione in calo all'11,4%, sale quella giovanile

Cala la disoccupazione in generale, ma non quella giovanile. A luglio - comunica l'Istat - il tasso scende all'11,4%, in calo di 0,1 punti percentuali su giugno. In termini assoluti si tratta di 39 mila unità, dopo l'aumento registrato a giugno (+1,3%). Il calo della disoccupazione nell'ultimo mese interessa sia la componente maschile (-1,4%) sia quella femminile (-1,2%). Il tasso di disoccupazione maschile scende al 10,6% mentre quello femminile al 12,6%, entrambi in calo di 0,1 punti percentuali.

DISOCCUPAZIONE GIOVANI. Sale invece il tasso di disoccupazione dei 15-24enni: la quota di giovani disoccupati sul totale di quelli attivi (occupati e disoccupati) è pari al 39,2%, in aumento di 2,0 punti percentuali rispetto al mese precedente. L'incidenza dei giovani disoccupati tra 15 e 24 anni sul totale dei giovani della stessa classe di età è pari al 10,4% (cioè poco più di un giovane su 10 è disoccupato). Tale incidenza risulta in aumento di 0,4 punti percentuali rispetto a giugno. Il tasso di occupazione diminuisce di 0,7 punti percentuali, mentre quello di inattività aumenta di 0,3 punti. Il tasso di occupazione a luglio cala tra i 25-34enni (-0,4 punti percentuali).

OCCUPATI. La stima degli occupati cala dello 0,3% rispetto al mese di giugno (-63 mila), interrompendo la tendenza positiva registrata nei quattro mesi precedenti (+0,4% a marzo, +0,5% ad aprile, +0,2% a maggio e giugno). Secondo quanto rilevato dall'Istat, il calo è attribuibile sia agli uomini sia in misura maggiore alle donne e riguarda gli indipendenti (-68 mila), mentre restano sostanzialmente invariati i dipendenti. Gli occupati calano nelle classi di età fino a 49 anni mentre aumentano tra gli over 50. Il tasso di occupazione, pari al 57,3%, diminuisce di 0,1 punti percentuali sul mese precedente.

I movimenti mensili dell'occupazione determinano complessivamente nel periodo maggio-luglio 2016 un consistente aumento degli occupati (+0,7%, pari a 157 mila unità) rispetto al trimestre precedente, con segnali di crescita diffusi sia per genere sia per posizione professionale e carattere dell'occupazione.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Manifestazione della Cgil

Lavoro, ancora in crescita le assunzioni. Ma solo un quarto a tempo indeterminato

Il rilevamento Inps riferito ai primi 5 mesi dell'anno registra un incremento del 16% ma di "qualità" inferiore

Manifestazione dei metalmeccanici Fiom-Cgil

Boeri: Migranti buoni contribuenti. E non rubano lavoro

La relazione del presidente dell'Istituto di previdenza davanti alla Commissione d'inchiesta sul fenomeno migrazione. "Ogni anno ci regalano 300 milioni a fondo perduto"

Roma, Manifestazione della Cgil

Ue, creati 10 milioni posti di lavoro. Disoccupazione ai minimi

L'indagine annuale. Sono 234 milioni gli occupati nell'Unione. Ma il reddito dei giovani si riduce

Istat, calano numero di casalinghe e asimmetria lavoro familiare

Istat, calano numero casalinghe e asimmetria del lavoro familiare

La loro condizione economica non è buona: nel 2015 sono più di 700 mila le casalinghe in povertà assoluta