Venerdì 27 Maggio 2016 - 20:30

Lavoro, Mattarella: Combattere lo sfruttamento e gli abusi

Messaggio alla Cgil: "Illegalità e discriminazioni, trovano ancora spazio nel nostro Paese"

Sergio Mattarella

 "Lo sfruttamento, con l'odiosa pratica del caporalato, il lavoro sommerso, le elusioni e le illegalità, come l'utilizzo improprio dei voucher, le discriminazioni, trovano ancora spazio nel nostro Paese. Interventi mirati combattono questi fenomeni ma occorre continuare a vigilare per sconfiggere le disuguaglianze, l'emarginazione, le povertà". Così il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio inviato oggi al segretario generale della Confederazione Generale Italiana del Lavoro (Cgil), Susanna Camusso.

IL MESSAGGIO. "In occasione della terza edizione delle Giornate del Lavoro, rivolgo un cordiale saluto a lei, gentile Segretario generale, a tutti i convenuti e agli organizzatori di questa manifestazione che propone, nel Mezzogiorno, un'articolata riflessione su temi cruciali al centro dell'attenzione di tutto il Paese. Al commosso omaggio alla figura di Luciano Lama, partigiano, grande sindacalista e parlamentare, unisco il mio personale. Egli ha offerto un contributo fondamentale alla vita della Repubblica, in anni e vicende difficili, dando prova di rara schiettezza e di fermo equilibrio. Il suo coraggio, la sua concretezza riformista costituiscono un esempio di fattiva e responsabile partecipazione che dobbiamo moltiplicare. Ad uomini come Lama, infatti, dobbiamo anzitutto la nostra libertà ma anche la capacità di guardare alla complessità della realtà contemporanea con lucidità, lungimiranza e chiarezza di intenti" scrive il presidente della Repubblica.

LAVORO E REPUBBLICA. E il lavoro è il centro della Repubblica come sottolinea Mattarella: "Celebriamo quest'anno i settant'anni della Repubblica italiana: il suo radicamento nel lavoro è elemento essenziale per la realizzazione della personalità di ciascuno, per la sua libertà, per la sua autodeterminazione. E' partecipazione alla crescita e allo sviluppo civile del Paese. E' costruzione di coesione sociale. Il livello e la qualità del lavoro improntano il volto di una comunità, sono condizione per una cittadinanza piena".

CAPORALATO, VOUCHER E SFRUTTAMENTO. "Lo sfruttamento, con l'odiosa pratica del caporalato, il lavoro sommerso, le elusioni e le illegalità, come l'utilizzo improprio dei voucher, le discriminazioni, trovano ancora spazio nel nostro Paese. Interventi mirati combattono questi fenomeni ma occorre continuare a vigilare per sconfiggere le disuguaglianze, l'emarginazione, le povertà.  Il Paese avanza se offre valide opportunità di sbocco e di crescita ai giovani, se permette alle donne di dare serenamente il loro contributo; se non disperde le migliori energie e competenze; se stimola la ricerca e l'innovazione; se assicura piena tutela e sicurezza sui luoghi di lavoro.  In uno scenario di ripresa caratterizzata ancora da incertezza è importante cogliere e mettere a frutto i primi, concreti segnali positivi. Sono ancora troppe le persone che non ne hanno beneficiato. Per questo è essenziale perseguire l'obiettivo di uno sviluppo solido e duraturo, rivolto soprattutto ad innalzare i livelli di occupazione e partecipazione.  Le parti sociali contribuiscono in maniera costruttiva ad affrontare queste sfide e svolgono un ruolo fondamentale per dare fiducia, speranza e futuro soprattutto alle giovani generazioni. Con questo auspicio rivolgo a tutti i presenti i miei auguri più cordiali di buon lavoro" conclude il Capo dello Stato

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Seggi aperti in Valle d'Aosta: al voto per eleggere il Consiglio regionale

In 103mila alle urne per scegliere i consiglieri, che dovranno poi indicare il presidente

Governo, partita del premier al rush finale. Identikit del leader porta a Spadafora

Restano in gioco anche Conte, Roventini, Fraccaro e Bonafede. E Di Maio? Il pentastellato non è ancora uscito di scena, ma si dice pronto al passo indietro

Luigi Di Maio ad Ivrea al gazebo del Movimento 5 stelle

Tav, Di Maio: "Diremo alla Francia che non serve più"

Ma per molti la questione è un po' più complicata

Hotel Ergife. Assemblea Nazionale del Partito Democratico

Pd, tutto rinviato: Martina ancora reggente, spaccatura congelata

Martina: "Se tocca a me, anche se sono poche settimane, tocca a me". Minoranza: "Finita l'era di Renzi"